Che cosa non va nelle parole di Debora Serracchiani

Innanzitutto occorre riconoscere che la Serracchiani è perfettamente in sintonia col senso comune del Paese. La maggioranza degli Italiani sottoscrive l’affermazione seguente: «La violenza sessuale è un atto odioso e schifoso sempre, ma risulta socialmente e moralmente ancor più inaccettabile quando è compiuto da chi chiede e ottiene accoglienza nel nostro Paese». A trovare inopportuna la sua uscita è stata una piccola minoranza. Per la precisione, stando agli aficionados della Presidente del Friuli-Venezia Giulia attivi su twitter, una minoranza di «radical chic» impegnata in «vaneggiamenti onanistici». Gente che non si è accorta «che il PCI non esiste più e che i suoi eredi sono all’ospizio», allusione questa a un presunto lassismo dei comunisti in tema di ordine pubblico (peccato che Renato Zangheri e Ugo Pecchioli siano passati a miglior vita e non possano partecipare a questo appassionante dibattito). E ancora: «La xenofobia non c’entra nulla! Si parla di accoglienza. Io ti accolgo, tu fai una cosa atroce allora si rompe il patto, galera, espulsione». In questo caso, chi dice «patto di accoglienza» intende di fatto «concessione», ignorando che non di concessione si tratta, ma dell’applicazione di un diritto sancito dalla nostra Costituzione (art. 10, terzo comma). Transeat. Non è comunque Debora Serracchiani a poter negare la richiesta d’asilo e cacciare il presunto stupratore dal territorio nazionale e – sia detto una volta per tutte – ciò che ha indignato molti di noi non è certo l’idea di una giusta pena. E’ grottesco doverlo precisare, ma in questo bizzarro dibattito gaberiano («la sicurezza è di destra/di sinistra») è davvero un attimo finire tra i fan di Jack lo squartatore. Un tempo, i Presidenti di Regione parlavano di strade e ospedali, e raramente intervenivano su questioni strettamente politiche o per dare giudizi morali. Con la riforma del titolo V, i «governatori» hanno cominciato ad allargarsi, il loro peso politico è cresciuto assieme al loro protagonismo e alla loro voglia di fare aria dalla bocca. Nel solo 2013 ci sono stati ottanta casi di stupro denunciati in Friuli-Venezia Giulia, ma non ci risulta che Serracchiani abbia sentito altre volte l’insopprimibile urgenza di esprimersi urbi et orbi in merito. Certo, stavolta l’accusato è uno straniero, per l’esattezza un richiedente asilo, il che fa del caso – ancora soggetto alle verifiche dell’autorità giudiziaria – un’altra tanichetta di benzina rovesciata sul fuoco della psicosi xenofoba. Pensassimo male, penseremmo che il gradimento della Serracchiani in regione è ormai attorno al 30%, che l’anno prossimo si vota e che per essere rieletti occorre scimmiottare vigorosamente la Lega, pratica che sindaci e presidenti di regione dem hanno portato in Direzione Nazionale e poi al Governo. Noi che siamo molto ingenui, però, vogliamo credere che la simpatica Debora abbia anzi voluto combattere la strumentalizzazione del caso da parte della Destra, anticipandone gli argomenti. Brava Debora. Una politica di Sinistra (scuola DS, mica AGESCI…) che ha il coraggio di dichiarare: attenzione, non tutti gli stupri sono uguali! lo stupro da parte dell’ospite è peggiore di quello compiuto dal padrone di casa. Di quello compiuto dall’ospite occorre parlare prima ancora che asciughi l’inchiostro del verbale, mentre non ha senso parlare di quello compiuto dal padrone di casa, sia esso incarnato dai mariti affettuosi colti da raptus «per troppo amore» o dal branco di giovani promesse della buona società intente a festeggiare un compleanno. Quelli votano, non scherziamo.

Contrassegnato da tag , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: