Il mio primo e finora unico articolo su commissione, Venezia ai tempi di Brugnaro, si apriva con la polemica sull’intenzione del sindaco di vendere la Giuditta II (o Salomè) di Klimt, pezzo forte della bellissima collezione di Ca’ Pesaro, museo ovviamente ignorato dalla maggior parte dei turisti e dei veneziani e al momento, ahimè, chiuso per i danni dell’ultima acqua alta. Era il 2015 e Brugnaro, personaggio particolarmente incline a spararle grosse, specie all’inizio del suo mandato, proponeva di “vendere un quadro che non ha a che fare con la storia della città” per fare cassa. A sostenere pubblicamente la proposta furono quasi soltanto un prezzemolino televisivo (Vittorio Sgarbi) e un oste (Arrigo Cipriani) e la cosa fortunatamente non ebbe seguito. Quattro anni dopo, la Giuditta II viene prestata alla Basilica palladiana di Vicenza per la mostra Ritratto di donna: il sogno degli anni Venti. Lo sguardo di Ubaldo Oppi. Su varie testate del sottogiornalismo online si legge che l’opera avrebbe lasciato Venezia per la prima volta, peccato che sia invece già andata in prestito decine di volte a musei di tutto il mondo. Transeat. La notizia verificata e davvero degna di menzione consiste invece nel pensiero attuale di Brugnaro, che in conferenza stampa ha dichiarato: “Stiamo inaugurando una mostra di respiro metropolitano cui noi partecipiamo con la ‘nostra’ Giuditta II di Klimt. Un’opera che ritrae la forza della libertà della donna che, astraendola [sic], rappresenta la forza e la libertà di una Venezia unita. Il Leone di San Marco che si trova a pochi metri da noi è stato posizionato nella Basilica Palladiana proprio perché tutti si riconoscevano in una storia comune. Allora è giusto che un quadro di tale importanza venga prestato alla città di Vicenza”. Insomma, da foresto indesiderato – campagnolo ancor più di Gigio Brugnaro, potremmo dire – Gustav Klimt diventa ambasciatore della Serenissima. Non è meraviglioso?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...