Occhio al Burionivirus

Come i miei diciotto affezionatissimi lettori ben sanno, mi ritengo un fiero sostenitore del metodo scientifico e della medicina basata su quel paradigma. Nel momento in cui le insulsaggini novax sono diventate una merce redditizia per tanti pennivendoli e “fornitori di contenuti” ho quindi salutato con favore la comparsa sulle scene di un personaggio come Roberto Burioni, che ai cialtroni – e ai fascisti mischiatisi abilmente ai genitori paranoici – riservava quello che ritenevo essere l’unico trattamento possibile: “studia, asino!!!”. Bene, oggi posso serenamente ammettere di aver preso una cantonata, e c’è voluto il coronavirus per farmelo capire. Al di fuori della cerchia antivaccinista, c’era chi in effetti faceva notare come “blastare” gli avversari inattrezzati – gergalismo orribile al pari di “asfaltare”, ma tant’è – oltre a rivelare una tendenza all’elitismo o al classismo non avrebbe portato una sola persona nel campo della ragione, allargando anzi la frattura che ormai da alcuni decenni si è creata tra la medicina scientifica e una fetta consistente della cittadinanza. Si dirà che è difficile veicolare un pensiero articolato su twitter, e Burioni in effetti pubblica i suoi interventi più lunghi sul sito medicalfacts.it, il quale però non rappresenta esattamente un modello di divulgazione scientifica; il sito appare piuttosto come una raccolta di stringati commenti pensati per battere qualche colpetto nell’echo chamber burioniana più che per diffondere conoscenza. Sul web in lingua italiana c’è ben di meglio, in ogni caso. Possiamo del resto supporre che Burioni riservi le proprie capacità didattiche ai suoi studenti dell’Università Vita-Salute S. Raffaele, lasciando al pubblico (non pagante) dei social il sarcasmo del “blastatore”. Di certo, senza Twitter il pubblico generalista avrebbe dimenticato il suo nome come dimentica quello di centinaia di altri specialisti interpellati distrattamente dai media e sovente messi all’angolo dal polemista-tuttologo di turno. La via è stata tracciata molti anni fa da quegli storici dell’arte che hanno scelto di garantirsi un posticino nel circo mediatico. Burioni non è ovviamente paragonabile a Sgarbi, però se quest’ultimo è uno specialista di piazzate televisive che non hanno mai avuto alcuna conseguenza sulla vita del Paese, lo specialista di virus sta rischiando invece di fare grossi danni con alcuni suoi interventi a tema COVID-19.

In questo caso il suo bersaglio polemico non sono i cretini novax, ma alcuni suoi autorevoli colleghi, e a lasciare interdetti anche molti suoi fan è il carattere contraddittorio degli attacchi, tipico degli attaccabrighe di professione. Il professore twitta contro l’allarmismo al mattino, al pomeriggio fa del sarcasmo sull’equipe dello Spallanzani e la sera contesta il Presidente della regione Toscana, reo di non aver messo in quarantena i cinesi di Prato (e quelli di Milano?) di ritorno dal capodanno. Il mattino successivo se la prende nuovamente con i catastrofisti, ma subito dopo attacca chiunque assimili quella causata dal COVID-19 a un’epidemia di influenza. Il punto è che a descrivere l’epidemia nelle sue apparenti proporzioni non sono stati dei semicolti come il sottoscritto, ma medici come Maria Rita Gismondo dell’Ospedale Sacco di Milano, Giovanni di Perri dell’Amedeo di Savoia di Torino, Giovanni Maga del CNR, Giuseppe Ippolito dello Spallanzani e Ilaria Capua, praticamente esiliata a causa di quell’odio per la scienza contro cui a parole si batte Burioni e al momento direttrice dell’One Health Center of Excellence di Gainsville, in Florida. (Nota a latere: a differenza della sacra cittadella di Don Verzè, dove è impiegato il blastatore, quelli citati sono tutti centri d’eccellenza pubblici, che si tratti di strutture del SSN o della stessa Università della Florida. Lascio agli amanti della meritocrazia il piacere di confrontare su Google Scholar l’H-index di Burioni con quello di Ippolito o della Capua).

L’impressione è che Burioni abbia preso un virus altrettanto pericoloso del COVID, il virus dell’influencer, che attacca tutti gli ego un po’ troppo grandi che pratichino i social in modo compulsivo e debbano ricorrere alle polemiche sterili per “uscire” in qualche modo. Quali siano i danni che Burioni rischia di causare con le sue schermaglie da leone della tastiera è presto detto. Sebbene il primo studio vasto sull’epidemia abbia ridimensionato il pericolo del virus, i nostri vicini di casa hanno iniziato ad assaltare supermercati e farmacie, dopo aver boicottato ristoranti e botteghe cinesi. Mentre la psicosi collettiva si aggrava e il solito team di gazzettieri e politicanti si dedica alla consueta opera di sciacallaggio, ci si mette pure il nostro virologo del twitter con le sue schermaglie polemiche a distanza, generando confusione nel pubblico e contribuendo ad intaccare ancora la fiducia dei cittadini nelle istituzioni mediche. Il debunker Burioni ottiene inoltre un risultato collaterale non da poco, essendo improvvisamente diventato il beniamino di quegli stessi fascioleghisti e sovranisti che appena ieri tentavano di eliminare l’obbligo vaccinale nelle regioni da loro amministrate. Avanti così, per il bene della scienza.

Aggiornamento del 26 febbraio – la simpatia che il sovranismo italiota ha scoperto nei confronti di Burioni è stata subito smorzata dallo scontro tra Conte e Attilio Fontana, presidente della regione Lombardia, a proposito dei commenti davvero sciocchi sull’operato dell’ospedale di Codogno. Fontana difende comprensibilmente l’ospedale e ridimensiona l’epidemia: superata una certa soglia, il panico collettivo non è più politicamente utile.

La TAV, l’ambiente, il dito e la luna

Per capire rapidamente da che parte si collochino gli sconosciuti che al bar si infilano nelle vostre conversazioni con gli amici, basta prendere nota di alcuni elementi retorici, a volte soltanto lessicali, che funzionano come spie del set di idee installate nelle loro zucche. Ad esempio, la contrarietà all’unione monetaria europea caratterizza il sovranista e il fascista (esistono posizioni noeuro di taglio marxista, destinate però a confondersi sempre più con la morchia rossobruna) e quando il nome di George Soros fa capolino nella conversazione, sappiamo che chi ci parla è sicuramente uno xenofobo e probabilmente un antisemita. Dello stesso corredo fanno parte anche la locuzione «trafficanti di uomini» e il negazionismo del riscaldamento globale. A volte non è così semplice, dal momento che questi elementi retorici non sono perenni, seguono l’evoluzione della società, della comunicazione politica con le sue pratiche di framing, oltre che della lingua stessa. Così, parlando di ambientalismo, cioè di quella forma ideologica che nel discorso pubblico viene sovrapposta all’ecologia propriamente detta, si è assistito nell’arco di pochi decenni a uno scivolamento a sinistra di concezioni tradizionalmente reazionarie.

Al contrario di quanto si sostiene in quest’articolo di Silvia Bianchi, la Sinistra, prima del suo spappolamento postmoderno, è stata storicamente sviluppista, industrialista e sostenitrice delle “grandi opere” («I soviet più l’elettrificazione», diceva quel tale). Se in questo paese i riformisti sono diventati “di destra”, come sostengono molti loro critici, altrettanto a destra si collocano quindi molti di quegli stessi critici, che da tempo hanno fatto proprie parole d’ordine della Nouvelle Droite come decrescita e comunità. Anche al di fuori delle frange estreme, più vicine ai culti ereticali che alla politica propriamente detta, un certo gergo è diventato d’uso comune. Ad esempio, l’uso generalizzato dell’espressione “grandi opere” (a proposito: “grandi” quanto? ) come sinonimo di distruzione ambientale o quello, estensivo e scorretto, di beni comuni (promemoria: i pesci del mare sono beni comuni, i teatri e i cinema, sfortunatamente, no). Eppure alcune soluzioni proposte per arrestare il Global Warming – una realtà misurabile sulla quale esiste il consenso della comunità scientifica – rientrerebbero nella definizione, per quanto ambigua, di “grande opera”.

Se ad esempio la città di Milano decidesse di alimentare i consumi domestici di tutte le 7-800mila famiglie del suo territorio comunale con il fotovoltaico, installando 20 kmq di pannelli [calcolo spannometrico fatto pensando a 0,5 MW di resa per ettaro], non si tratterebbe forse di una “grande opera” – soggetta certamente ai fenomeni NIMBY del caso? Anatema! Semmai, risponderebbero gli ambientalisti, occorre realizzare quella “grande opera diffusa” che consiste nell’efficientamento energetico degli immobili e in soluzioni energetiche innovative. Splendida idea, che richiede necessariamente delle politiche di incentivi e disincentivi fiscali rivolti in particolare ai singoli nuclei familiari. È certamente vero che, come si sostiene nell’articolo citato sopra, l’uso della leva fiscale per cambiare abitudini energetiche poco virtuose colpisce principalmente le classi meno abbienti, cioè chiunque non si possa permettere di comprare un’auto elettrica, di fare il cappotto alla casa, di cambiare caldaia o di cibarsi di ortaggi venduti in qualche agro-boutique a Km zero. Gli incentivi o i contributi diretti, senza i quali ci scorderemmo il 35% medio di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili in area UE, sono quindi da preferire e, dice sempre Silvia Bianchi, «tutto ciò richiede di ampliare, anziché ridurre, il ruolo dello Stato nella vita economica del Paese».

A proposito di grandi interventi statali, in queste ore è inevitabile pensare alla controversia sulla Torino-Lione che, usata come pretesto per una crisi di governo, potrebbe salvare le bestie gialloverdi dall’imbarazzo di una nuova finanziaria ai danni del popolo che dicono di voler difendere (ma questa, come si dice, è un’altra storia…). Opera pubblica, ma evidentemente troppo grande, e di conseguenza bocciata dall’Ente Certificatore della Vera Sinistra del Terzo Millennio, la TAV rientra ormai nella categoria delle dispute religiose e le mie capacità si limitano alla conta delle contraddizioni logiche, spesso talmente banali da passare inosservate. Silvia Bianchi ci spiega che quando la TAV sarà finita avremo ormai il nostro grado e mezzo di temperatura in più, e che quelle risorse andrebbero usate piuttosto per sostenere la transizione energetica, potenziare il trasporto pubblico, ecc. Benissimo, senonché quei 7 miliardi quantificati dal Prof. Marco Ponti nel bizzarro studio presentato poche settimane fa corrispondono per la maggior parte alle accise sul carburante non più riscosse, spostando le merci dalla gomma al ferro. Toh, ecco la famosa leva fiscale “di destra” che colpisce i più poveri.

D’altro canto, stando a un allievo dello stesso Ponti, il costo dell’opera non sarebbe giustificato dall’esigua riduzione di CO2 attuata spostando un po’ di tir dall’autostrada alla ferrovia. C’è da credergli, anche perché in generale il trasporto privato incide poco sul riscaldamento globale, nell’ordine del 10% del totale delle emissioni, e qui sarebbe molto utile divulgare – nel senso di diffondere, ma anche di spiegare per bene – alcuni dati ignorati sia dai media generalisti che dalle voci dell’ambientalismo militante. Nel 2013, anno del picco di produzione di rinnovabili in Italia (41% del totale), l’intero sistema delle rinnovabili in area UE, sostenute da costosi incentivi pubblici che personalmente ho sempre visto con favore (pur ritrovandomeli in bolletta e facendo parte dei meno abbienti di cui sopra) aveva ridotto di circa 30 milioni di tonnellate le emissioni di CO2 nell’atmosfera. Un successo enorme, che diventa però ben poca cosa se paragonato agli effetti del solo protocollo di Montreal – l’accordo dell’89 sul bando dei clorofuorocarburi, gas responsabili del “buco nell’ozono”.

Che c’entrano i CFC, direte. I CFC c’entrano perché contribuiscono a loro volta all’effetto serra, in misura proporzionalmente più grande della stessa anidride carbonica, tanto che l’accordo di Montreal ci ha risparmiato ogni anno 11 miliardi di tonnellate (in questo caso equivalenti) di CO2. Circa trecentocinquanta volte in più di tutte le rinnovabili europee e cinque volte l’obiettivo del protocollo di Kyoto per gli anni 2008-2012. Tutto questo per dire che il proposito più importante del nostro futuro come specie vivente, e cioè rendere (più) sostenibile la nostra presenza su questo pianeta, è una faccenda estremamente complessa che richiede grandi competenze, molto studio, poche strumentalizzazioni e nessuna isteria. Chi consideri le “scienze dure” troppo dure – il che è legittimo – può sempre contribuire al dibattito pubblico dedicandosi a ripulire il linguaggio dai riflessi irrazionali, dalle semplificazioni e dai luoghi comuni e a spostare l’attenzione delle persone “dal dito alla Luna”. Sono certo che anche l’ambiente naturale ne trarrebbe grande giovamento.

Foto: Nick Youngson (CC)

La maternità surrogata e la nostra paura del post-umano

Icsi-800x540.jpg

Tanto per mettere subito le cose in chiaro: chiunque non sia irrimediabilmente stronzo non può che augurare ogni bene a Nichi Vendola, al suo compagno e soprattutto al piccolo Tobia. Persino i rimediabilmente stronzi dovrebbero prendere le distanze dai vari mostriciattoli della destra reazionaria (clericale, fascista e/o poltronista) che in queste ore stanno vomitando i loro insulti all’indirizzo del leader di Sel. Detto questo, i dubbi e i tormenti di cui scrive Michele Fusco qui sugli Stati rispetto al tema “utero in affitto” – espressione tanto rude quanto esatta – non nascono dal malanimo né da visioni del mondo particolarmente retrive. Sarebbe comodo ridurre il dibattito sulla maternità surrogata ad un apparentemente inconciliabile scontro tra prospettiva religiosa e prospettiva laica, troppo comodo e del tutto fuorviante. Sono in realtà le singole tradizioni religiose e, soprattutto, il modo in cui le tradizioni religiose hanno risolto il problema della divisione tra Chiesa e Stato a caratterizzare le rispettive posizioni sui temi etici, e proprio la storia della legislazione in materia di maternità surrogata lo dimostra. Vendola e il suo compagno hanno comprensibilmente scelto uno tra gli stati più liberal d’America, la California, per far nascere il criaturo. Ad aprire alla surrogacy nel 1989 – governatore Bill Clinton – fu però l’Arkansas, una delle roccaforti della Bible Belt. Possibile che in questo abbia avuto un ruolo la grande consuetudine degli evangelici con l’Antico Testamento e, paradossalmente, la loro tendenza al letteralismo di fronte al testo biblico – la stessa che permette ai creazionisti di fissare la creazione del mondo a poco più di cinquemila anni fa? Sì, è possibile. Basta una scorsa a Bereshit, il libro della Genesi: da Abramo che concepisce Ismaele con Agar (16, 1 s.) a Rachele che attraverso la schiava Bilhah dà Naftali e Dan a Giacobbe, il quale avrà poi altri due figli, Gad e Asher, da Zilpah, schiava di Lia, sorella di Rachele (30, 1-12) le maternità surrogate non mancano, come in tutto il vicino oriente antico (e non solo). E’ quindi soltanto per caso che i cattolici conservatori di casa nostra si trovano singolarmente d’accordo con quei settori del mondo laico che si oppongono in modo altrettanto netto a tale pratica.

Screenshot-2016-02-29-at-18.12.52-800x540.png

A titolo di esempio, come scrivevo alcuni giorni fa, Marina Terragni e tutto il femminismo della differenza leggono nella maternità surrogata un’inaccettabile forma di sfruttamento del corpo della donna e una forma di violenza al bambino, operate secondo una logica prettamente maschile – che si rivela anche in certi discutibili paralleli con la prostituzione e con la libertà di ogni individuo di “mettere a valore” il proprio apparato genitale. Come se alla base di questa “scelta” non vi fosse molto spesso il contrario della libera scelta, e cioè lo stato di necessità. Ciò che disturba è l’idea che esista un’industria della procreazione conto terzi per cui valgano le regole del mercato globale e che un bimbo “prodotto” in India costi dal 60 all’80% in meno di uno “prodotto” in California. Proprio come un paio di scarpe o un telefono. E non è tutto, almeno per quanto mi riguarda. Ciò che mi spaventa non è la volontà di una coppia (o di un singolo) di crescere nell’amore un figlio, rimuovendo ogni ostacolo alla realizzazione di questo desiderio. Certo, là fuori milioni di bambini già nati e abbandonati sarebbero pronti a diventare figli, senza bisogno di madri surrogate. Lo scenario che temo davvero è però quello in cui il problema dell’utero in affitto non esisterà più perché non ci sarà più alcun bisogno di affittare un utero.

Sin dalla nostra comparsa come sapiens, ci siamo sottratti alla selezione naturale e abbiamo separato la sessualità (e l’affettività) dalla riproduzione della specie. La scienza ci ha liberati e resi più consapevoli, purtroppo non più saggi. Niente fa supporre che nelle nostre società avanzate questo processo non arrivi un giorno non lontano (siamo nell’ordine di grandezza dei decenni, più che dei secoli) ad un esito estremo, distopico, fatto di procreazione in serie o à la carte, di progettazione del corredo genetico, di selezione operata dallo Stato o dal cosiddetto libero mercato. Insomma, a spaventarci è l’idea che l’eccezione diventi norma, e che l’unico limite sia quello della tecnica disponibile al momento. Fantascienza, per ora. Storie del postumano immaginate da Aldous Huxley o da Philip K. Dick, viste in Blade Runner e in Gattaca, ipotesi da confrontare con la realtà nel lungo periodo. Quando, fortunatamente, io e voi che mi leggete oggi saremo già morti.

brave_new_world-800x540.jpg

Una tardiva difesa di Interstellar

PIA16695-BlackHole-Corona-20130227-800x540

Non credo di soffrire di alcun complesso di inferiorità intellettuale rispetto alla nostra critica cinematografica, ma devo ammettere che il numero di stroncature apparse nelle tre settimane dall’uscita italiana del film mi ha stupito e un tantino preoccupato. Non mi starò forse rincoglionendo? Una volta mi sarei definito un cinéphile, ma ultimamente, nei casi di film «che dividono», a partire da La grande bellezza, mi capita sempre di stare dalla parte sbagliata. Non avrò perso quel minimo di gusto e di senso critico che generalmente mi facevano distinguere le boiate galattiche (o intergalattiche) dal Cinema propriamente detto? Arriverò un giorno a rivalutare Independence Day? Ne dubito, ed è per questo che sento il bisogno di capire che cosa abbia deluso i mai così svogliati recensori Mereghetti, Nepoti, Mancuso, ecc., ma anche tanta parte del pubblico semicolto italiota.

Io ho visto un film recitato e diretto benissimo, non soltanto visivamente straordinario – girato tutto in pellicola, in un maestoso 70mm IMAX che solo pochi i Italia avranno avuto la possibilità di apprezzare – ma scritto infinitamente meglio della media dei blockbuster attuali. Anche sforzandomi e tirando fuori tutto il mio residuo snobismo, non sono riuscito a trovare in Interstellar i difetti dell’americanata ipertecnologica, dell’action movie ambientato nello spazio, i cui script sono prodotti macchinalmente a partire dalla solita manciata di stereotipi stantii. Mi è sembrato invece che gli autori abbiano fatto tutto quanto era possibile per evitare i cliché, questo andrebbe obiettivamente riconosciuto, anche se la fantascienza vi fa dormire.

Non c’è traccia in Interstellar dell’insopportabile e onnipresente ironia a buon mercato da Cowboy dello spazio – alla quale allude la scena in cui il protagonista regola il livello di sarcasmo di uno dei robot. L’intrallazzo amoroso è lasciato fuori dal film e solo ipotizzato nelle ultime inquadrature. Non ci sono veri villain, e i dialoghi non sono più pretenziosi di quanto lo fossero quelli di tutti i capolavori della classicità hollywoodiana. Non c’è molto spazio per la “tecnolalia” pseudoscientifica da fumettone (cose tipo «Il modulo CGLN 2 è in rotazione, attivare sospensorio al plasma) e al suo posto vi sono i concetti più arditi della fisica contemporanea, dal ponte di Einstein-Rosen al “paradosso dei gemelli”, drammatizzati in modo da mostrare la finitezza della nostra esistenza di puntolini nell’universo. Qualcuno, facendo le pulci allo script, ha trovato qualche inesattezza scientifica, ma, perdio, ricordate che questo è cinema, non un documentario per le scuole. Se volete una divulgazione di livello, leggete il bellissimo Al di là della luna di Paolo Maffei e i Sei pezzi facili/Sei pezzi meno facili di Richard Feynman.

Certo, chi cercava la rarefazione concettuale di Kubrick e il nitore filosofico di Tarkovskij sarà rimasto deluso. Ma siamo seri, qualcuno è davvero entrato in sala aspettandosi qualcosa di simile a Solaris? Con Kubrick in realtà il legame è dichiarato, appena più stretto di quello con tutta la tradizione della Science-fiction letteraria e cinematografica (tra le varie assonanze, ricordo quella del dimenticato Silent Running di Douglas Trumbull, che di Kubrick era stato scenografo). Che vi piaccia o no, di fatto Interstellar sta a 2001 come La grande bellezza sta a La dolce vita. Le citazioni, così evidenti, sono omaggi che segnano una rispettosa distanza: dalle prime inquadrature, quando Hans Zimmer riprende il solenne, scintillante accordo d’organo dell’introduzione di Also Sprach Zarathustra, al maldestro tentativo di Matt Damon di entrare nella stazione spaziale aprendo manualmente un portellone, al viaggio a rotta di collo dentro il buco nero e attraverso lo spazio-tempo (che fa venire una gran voglia di rivedere la lisergica sequenza di 2001).

E allora, se davvero il prodotto è così ben realizzato, che cosa avete da lamentarvi?

Ecco, io ho come il sospetto che in questo come in altri casi cinematografici del genere abbia pesato il disprezzo tutto postmoderno per le grandi narrazioni umaniste: da una parte l’amor che move il sole e l’altre stelle, forza che in Interstellar viene quasi fatta rientrare tra le interazioni fondamentali della fisica, accanto a quella gravitazionale; dall’altra, la difesa del pensiero scientifico – e della sua bellezza – presente in tutto il film, contrapposta alla distopia di un futuro di decrescita infelice in cui le tesi dei negazionisti dell’allunaggio sono entrate nei libri scolastici. Diciamo la verità, non sono temi che la nostra critica, nemmeno quella più contenutistica, è in grado di affrontare. Aggiungerei infine che forse, in quanto europei neghittosi, tendiamo a fare spallucce di fronte ad una tematica molto americana come quella della frontiera, e al «siamo pionieri, non guardiani» del protagonista. Eppure – questa è la personalissima morale che potremmo trarre come Italiani dal film – siamo stati pionieri a nostra volta e possiamo esserlo ancora. Anche nello spazio. Samantha Cristoforetti è lassù a ricordarcelo.

(Lo so, è una chiusa davvero renzianissima, ma credete che sia possibile essere sempre pessimisti?)

Perché, dopo L’Aquila, occorre riavvicinare scienza e società

Seismograph_Pinatubo-607x540

All’indomani della sentenza di assoluzione di tutti i membri – salvo uno – della Commissione Grandi Rischi, possiamo davvero tirare un sospiro di sollievo, dal momento che la conferma della condanna di primo grado avrebbe semplicemente precipitato la nostra disgraziata Italia in qualche punto dello spazio-tempo assai lontano dall’Occidente moderno.
Dal punto di vista giudiziario si è corretta un’evidente stortura, ben descritta sul blog dedicato al processo. Lascerei però ad altri il compito di aggiungere parole al già saturo dibattito su giustizialismo. Qui vorrei piuttosto affrontare un problema culturale tanto centrale per il futuro del Paese quanto poco trattato dai media generalisti: la distanza dell’italiano medio dal metodo delle scienze sperimentali.

Oggi in molti si affrettano a mettere le mani avanti, precisando che è vero, i terremoti non si possono prevedere, ed infatti questo non sarebbe affatto stato un «processo alla scienza», ma al comportamento negligente dei tecnici. Appurato che non ci fu alcuna negligenza, il problema del rapporto tra scienza e opinione pubblica rimane purtroppo intatto. È giusto accettare in silenzio la rabbia dei familiari delle vittime in aula, i quali credevano di poter ottenere un’impossibile giustizia in un processo che non si sarebbe nemmeno dovuto celebrare. A preoccupare davvero sono le reazioni di una parte consistente dell’opinione pubblica, scatenata allo stesso modo sui social come al bar.

Troppa gente è davvero convinta che si possano prevedere in modo deterministico i terremoti, così come le tempeste e i tumori. Vale la pena ricordare come due anni fa tra i protagonisti del dibattito sul processo vi fosse Giampaolo Giuliani, “ricercatore indipendente” (che cioè non accetta le verifiche della comunità scientifica sul proprio lavoro) al quale i soliti balordi talk politici aveva fornito un’inesistente credibilità. Giuliani inaugurò tra l’altro gli osceni parallelismi tra il processo dell’Aquila e i misteri di Stato, da Ustica alla strage di Bologna.

Il pattern mentale che emerge dall’indignazione di queste ore è quello dei grillini più forsennati e della cultura cospirazionista in genere, lo stesso delle ridicole fesserie sulle scie chimiche, o di quelle – meno ridicole, perché pericolose – sulle medicine alternative. In buona sostanza, la scienza è troppo spesso percepita come a) pericolosa in sé, poiché si contrapporrebbe all’”ordine naturale (o divino)”, b) inutile perché non-miracolosa e c) odiosa, in quanto percepita come appendice del Potere. Ecco quindi che i geofisici, oltre che indovini incapaci, diventano membri della casta, da colpire in quanto tali.

Del resto, dal primo Novecento sino ad oggi – forse con una breve eccezione negli anni del boom economico – le scienze hard hanno sempre dovuto giustificare il loro operato sia di fronte agli intellettuali che di fronte alla massa, tutti in varia misura influenzati dall’antilluminismo cattolico, dal crocianesimo, dai programmi della scuola gentiliana e, negli ultimi decenni, dall’ambientalismo più sciocco. Come stupirsi di certi atteggiamenti, se il maggior filosofo che l’Italia abbia espresso nel secolo scorso vedeva negli scienziati

«[…] in tutto e per tutto, l’incarnazione della barbarie mentale, proveniente dalla sostituzione degli schemi a i concetti, dei mucchietti di notizie all’organismo filosofico-storico»?

(Benedetto Croce, Il risveglio filosofico e la cultura italiana, in Cultura e vita morale, Roma, Laterza 1955 p.23)

Tra gli avversari (apparenti) di Croce, nemmeno Antonio Gramsci, incagliato tra idealismo e marxismo nella sua “filosofia della praxis”, doveva avere un’idea troppo chiara della scienza moderna. (E l’isolamento di figure come quelle di Geymonat o di Paolo Rossi riassume l’allergia al razionalismo della sinistra gramsciana nel dopoguerra). Tuttavia, da acutissimo osservatore della società italiana, Gramsci aveva individuato quello specifico vizio intellettuale che sta oggi alla base dell’incredibile processo dell’Aquila:

«È da notare che accanto alla piú superficiale infatuazione per le scienze, esiste in realtà la piú grande ignoranza dei fatti e dei metodi scientifici, cose molto difficili e che sempre piú diventano difficili per il progressivo specializzarsi di nuovi rami di ricerca. La superstizione scientifica porta con sé illusioni cosí ridicole e concezioni cosí infantili che la stessa superstizione religiosa ne viene nobilitata. […] Contro questa infatuazione, i cui pericoli sono evidenti […] bisogna combattere con vari mezzi, dei quali il piú importante dovrebbe essere una migliore conoscenza delle nozioni scientifiche essenziali, divulgando la scienza per opera di scienziati e di studiosi seri e non piú di giornalisti onnisapienti e di autodidatti presuntuosi. In realtà, poiché si aspetta troppo dalla scienza, la si concepisce come una superiore stregoneria, e perciò non si riesce a valutare realisticamente ciò che di concreto la scienza offre

(Antonio Gramsci, Il materialismo storico e la filosofia di Benedetto Croce, Roma, Editori riuniti, 1996, p.69)

Ecco il punto. Si parla spesso degli scarsi investimenti in ricerca, ma che dire dei pochissimi nella divulgazione scientifica? Io non credo che la soluzione consista nel tagliare il latino dai licei per aumentare le ore di matematica, all’insegna del vecchio (e sciocco) scontro tra le “due culture“, o contrapporre i saperi «che servono» a quelli «che non servono». Ogni sapere serve e ogni sapere rigoroso è “umanistico”. Forse non servono altri fisici, biologi, chimici, o matematici, ma di certo servono molti più cittadini che, pur occupandosi d’altro, sappiano come lavora la scienza. Perché, piaccia o no, nel Ventunesimo secolo, conoscere almeno i rudimenti del metodo scientifico serve anche per partecipare consapevolmente alla vita democratica del proprio paese. E sicuramente per tentare di (r)innovarlo.