Archivi tag: comune di venezia

Perché l’arca di Felice Casson è naufragata?

o-FELICE-CASSON-facebook-e1413502022611.jpg

In genere non amo l’uso disinvolto delle metafore in politica, eppure ieri sera, dopo una giornata di pioggia a dirotto, la mente è andata subito all’immagine di un diluvio particolare, per così dire, immagine che in una città nata, più volte salvata e sempre minacciata dalle acque assume una concretezza unica. Sarà il trauma della sconfitta, fatto sta che non riesco a non pensare a Felice Casson come ad una sorta di Noè chioggiotto. Felice/Noè ha fallito nel tentativo di portare in secca l’arca della Sinistra veneziana e, dopo ventidue anni, il governo della città passa alla Destra.

Sulle cause di questa sconfitta dibatteremo – anche ferocemente, tra militanti – per mesi e mesi, e ognuno troverà i propri capri espiatori – mentre sarà difficile trovare la forza per sopportare ancora i «ve l’avevo detto» di Massimo Cacciari. In attesa di puntare i riflettori su Brugnaro, che per quanto mi riguarda rimane ancora un oggetto non identificato, mi concentrerei su ciò che è andato storto con Casson, sconfitto per la seconda volta in dieci anni e in queste ore rimasto silenzioso – un silenzio condiviso da un centrosinistra attonito. In primo luogo, sappiamo che esiste una fisiologia del consenso. Vent’anni sono un ciclo abbastanza lungo perché al suo termine ci si possa aspettare un cambiamento. Se poi quel ciclo corrisponde al declino della città, un cambiamento diventa ancora più probabile. Sottoscriverei l’analisi lucida ed onesta (e solitaria) fatta da Laura Fincato a spoglio non ancora terminato: la crisi di consenso del centrosinistra a Venezia inizia ben prima dell’arresto di Orsoni e segue di pari passo gli errori fatti e soprattutto l’incapacità di correggerli. Personalmente, volendo tentare una sintesi (forse un po’ brutale) che spieghi il “fisiologico” cambiamento di cui sopra, guarderei ai vent’anni nel loro insieme, anche oltre Venezia. Il primo centrosinistra nato nel post ’89 è proprio il centrosinistra dei governi locali, quello della grande stagione delle autonomie e del “partito dei sindaci”. A Venezia, durante e dopo l’era Cacciari, i consensi si sono mantenuti attraverso la leva della spesa pubblica, che potremmo dividere in tre grandi aree: a) Servizi pubblici, welfare locale e produzione culturale b) posti di lavoro nelle partecipate e controllate, fornitrici dei servizi al punto precedente c) urbanistica contrattata e rapporto con i grandi contractor privati delle opere pubbliche. Un modello che, se ben bilanciato, riesce in teoria a garantire crescita economica e consenso politico.

Per ragioni varie e complesse (la mia vena reazionaria direbbe: semplicemente a causa della natura umana), questo modello ad un certo punto va in crisi.  Le istanze ai punti b) e c) si mangiano quelle al punto a) e, proprio all’apice di una crisi finanziaria locale, nazionale e globale, emerge il sistema corruttivo relativo al punto c). Come sappiamo, la storia finisce con l’arresto del Sindaco in carica, giusto un anno fa, cui purtroppo non è seguita un’adeguata autocritica del gruppo dirigente del PD e del centrosinistra tutto. Centrosinistra forse non del tutto consapevole della più grave crisi di consenso dei vent’anni del suo governo, e che tuttavia, dopo le primarie, si affida a Noè/Felice, alla figura del sindaco-magistrato-moralizzatore. Uno schema che altrove, almeno sul piano elettorale, ha funzionato. Non qui in Laguna. A Venezia si è letteralmente sbriciolato quel blocco di consenso che ha garantito la continuità al centrosinistra almeno sino all’elezione di Orsoni. L’astensione si è manifestata soprattutto in quel blocco, frutto di una disillusione e di un rancore ormai troppo profondi. Casson non è riuscito a coinvolgere gli indignati nemmeno attraverso la propria lista civica, un tentativo in realtà piuttosto goffo di marcare la distanza dal Partito Democratico. Il fatto è che la lista Casson non nasce da qualche spontaneo movimento della c.d. società civile, ma da una raffinata opera di ingegneria politica che oltre ad alcune (irrilevanti) rotture – vedi Pizzo e Seibezzi – aveva portato anche ad alcune importanti ricomposizioni – tra cui il capolavoro di Nicola Pellicani, già candidato della Ditta sconfitto alle primarie, divenuto capolista.

In una città in cui il nuovo corso renziano ha avuto sul partito locale riflessi debolissimi, e nelle cui vicende Renzi non è mai intervenuto direttamente, non è servito che una parte della coalizione prendesse le distanze dal “renzismo” – abbiamo letto candidati segnalare gli elogi di Brugnaro a Renzi per convincere il riluttante elettore antirenziano a votare Casson, mentre quest’ultimo ringraziava – giustamente – il governo per la disponibilità ad allentare i cordoni della borsa per dare respiro alle esauste finanze cittadine. Soprattutto, si è rivelato del tutto inutile il tentativo, a tratti imbarazzante, di lisciare il pelo agli elettori del Movimento 5 Stelle, del quale certa sinistra dialogante non sembra ancora aver compreso bene la natura. Il rilancio compulsivo che i campaign staffer di Casson negli ultimi giorni hanno fatto delle dichiarazioni dei vari Imposimato e Travaglio è servito soltanto a infastidire quelli che, come il sottoscritto, hanno fatto campagna per Casson con e dentro il Partito Democratico, a volte sentendosi dei paria. La speranza è che per qualcuno – non tanto gli irrecuperabili grillini, quanto la “Sinistra dei puri” sia finalmente suonata la sveglia. Il danno ormai è fatto. E, sia chiaro, lo scrivo più da cittadino preoccupato che da supporter colpito dalla sconfitta. Il problema non è infatti l’alternanza, che, come dicevamo, in democrazia va messa in conto.

Il problema è che l’alternativa di centrodestra guidata – obtorto collo, in fondo – da Brugnaro non mi sembra minimamente in grado di affrontare gli enormi problemi della Sinking City. Non vorrei offendere nessuno, ma la qualità della classe dirigente del centrodestra cittadino è persino inferiore a quella nazionale. Se poi dovessi sbagliarmi, sarò il primo a riconoscerlo con piacere. Nel frattempo, da cittadino prima che da oppositore, darei al Sindaco Brugnaro due soli suggerimenti non richiesti. Innanzitutto, fossi in lui, metterei subito a posto i più esagitati tra i suoi alleati destrorsi e leghisti, mossi soltanto da bassi sentimenti di revanche nei confronti dei “comunisti”. In secondo luogo, come Casson avrebbe voluto chiamare Arese, Daverio, Giavazzi e Rosso come “superconsulenti”, il vincitore provi a fare una scelta simile. Si circondi di gente diversa da lui e da ciò che rappresenta. Provi a stupirci. Tornando infine agli sconfitti, dopo i primi inevitabili psicodrammi, questa potrebbe essere l’occasione per verificare se la Sinistra a Venezia sappia ancora fare opposizione, e se esista ancora una Sinistra al di là della gestione (anche) clientelare delle risorse pubbliche. Ciò che non ha fatto la crisi, farà la sconfitta elettorale. Non avendo un Comune da gestire, la sinistra cittadina potrebbe ricominciare a studiare davvero i problemi del Comune e recuperare un rapporto col proprio elettorato. Un paradosso tutto da verificare.

Contrassegnato da tag , , , , , ,

Shameless

L’Arzanà citato da Dante, storico cantiere in grado di produrre un vascello in poche ore, ridotto prima a caserma e infine a simbolo della decadenza veneziana, resta di competenza dello Stato. Sono bastate un paio di righe infilate alla chetichella da Corrado Passera in un decreto che riguarda tutt’altro tema – la c.d. “Agenda Digitale” – per bloccare il passaggio di proprietà dal Demanio Militare al Comune di Venezia. Tale passaggio, previsto dalla Spending Review, avrebbe dovuto rendere possibile il recupero complessivo del luogo, descritto da tempo come l’ultima occasione di un futuro non esclusivamente turistico per la città storica. Ad essere favoriti da Passera sono stati evidentemente gli interessi del Consorzio Venezia Nuova, costruttore del MOSE, un buco nero che ha risucchiato la quasi totalità dei fondi destinati alla salvaguardia della città. Alcuni comitati cittadini si sono già mobilitati per chiedere al Presidente Napolitano di non firmare il decreto. Hanno ragione, è uno schifo, un altro brutto colpo per Venezia, tra i tanti ricevuti negli ultimi anni.

C’è però un aspetto grottesco in questa levata di scudi che vede, in buona sostanza, tutta la città unita contro Roma, in uno scatto di orgoglio serenissimo. Occorre ricordare quanti soggetti grandi e piccoli abbiano in questi anni raccolto le briciole (a volte assai sostanziose) del progetto MOSE distribuite dal Consorzio. In primo luogo proprio il Comune – che, incidentalmente, ha tra i suoi assessori Antonio Paruzzolo, già dirigente di Thetis. E’ sin troppo facile, nella rossa e smemorata Venezia, fare leva sulla superficiale opposizione bene pubblico/interesse privato, tralasciando di raccontare il vero nodo del problema: l’intreccio tra pubblica amministrazione, ceto politico e grandi gruppi privati (magari organizzati in cartello). Ecco quindi che il colmo del grottesco lo si raggiunge in una dichiarazione del Sindaco Avv. Orsoni – già difensore dei gruppi Benetton e Coin, grandi attori privati dello spazio pubblico veneziano:

«È molto triste che in questa città ormai gli interessi privati prevalgano su quelli del Comune e della città».

Quegli stessi interessi privati rispetto ai quali il Sindaco non sollevava alcuna obiezione nel momento in cui visitava, deferente, i cantieri MOSE, o riceveva i contributi del Consorzio Venezia Nuova per l’America’s Cup (“un evento che accresce il prestigio della città”, etc.) e nemmeno durante il disastroso procedere dell’operazione Lido, della quale fa parte Mantovani, una delle società del Consorzio.

Naturalmente, se abbiamo a cuore le sorti di Venezia, dobbiamo sperare che Giorgio Napolitano non ratifichi lo “scippo” dell’Arsenale. Ma dovremmo anche chiederci se davvero un Arsenale in mano al Comune possa diventare qualcosa di buono per la città. Personalmente mi chiedo se con questo inamovibile ceto dirigente, con questi onnipresenti neopatrizi senza vergogna, ci sia realmente ancora qualcosa in cui sperare.

Contrassegnato da tag , , , , , , ,

Uh-oh…

E’ noto il destino delle città d’arte come Venezia, i cui amministratori non riescono a mettere in pratica le palle che raccontano ai loro elettori (Venezia-città-della-cultura, economia dell’immateriale, industria leggera ad alto valore aggiunto, salvaguardia dell’ambiente lagunare, difesa e incentivo della residenzialità in centro storico, etc.). In assenza di un progetto, le città si riducono a vendere loro stesse nel peggiore dei modi, diventando tristi baracconi della monocultura turistica o prede di quella pestilenziale specie di bipedi urbivori, gli immobiliaristi. Alberghi, alberghetti, B&B, appartamenti da affitto turistico, seconde (e terze e quarte e quinte) case, vuote dieci mesi l’anno.  I pesci più piccoli fanno diventare B&B le dimore avite, uno studente fuorisede come portiere (in nero, ça va sans dire!), una professoressa di matematica ucraina come cameriera. E mettono via il loro gruzzolo, dichiarato al fisco per meno del 50%. Ah, quante ne avrei da raccontare!

Questo processo che si suppone ‘naturale’ è in larga parte assecondato e diretto dalle amministrazioni comunali e regionali, che hanno concesso licenze come se piovesse e hanno scritto regolamenti ad uso e consumo delle categorie interessate. Questo ha fatto il centrosinistra veneziano negli ultimi diciott’anni. Ha governato per settori, per clientele, per pacchetti di consenso. A volte riuscendo casualmente a governare bene. Ma in buona sostanza pensando unicamente ad incassare, dove possibile.

Naturalmente la sistemazione di quella che era una casa in un dormitorio di cartongesso, attrezzato coi suoi piccoli cessetti, richiede una serie di pratiche amministrative di una certa importanza. Questo è vero ovunque, immaginate un po’ a Venezia, città in cui il patrimonio edilizio è patrimonio dell’Umanità, in cui ogni pietra ha mille anni di storia da raccontare, per chi sappia ascoltare. C’è una Commissione di Salvaguardia che tutela quelle pietre. Dice: al Nord si usa così, mica come giù. Sicuro sicuro?

E’ di ieri la notizia per cui qualche nodino sarebbe venuto al pettine, come riporta il “Corriere della sera” di ieri:

VENEZIA – Tangenti in laguna. Ancora. Dopo i casi della Provincia ora nel mirino delle Fiamme Gialle sono finiti funzionari comunali e della commissione di salvaguardia, vigili, e un professionista, (principale arrestato), il geometra Antonio Bertoncello, consulente dell’Ava (Associazione veneziana albergatori), protagonista dal 2004 di «un’irresistibile ascesa», come ha detto il procuratore aggiunto Carlo Mastelloni. Oltre cento finanzieri del Comando Provinciale di Venezia hanno eseguito sette ordini di custodia cautelare ( e 42 perquisizioni) per ipotesi di corruzione e concussione nei confronti, appunto, di Antonio Bertoncello, dei funzionari del Settore Edilizia Privata del Comune di Venezia Angelo Dall’Acqua e Rudi Zanella dello sportello unico edilizia residenziale e attività produttive, di due funzionari della Commissione di Salvaguardia Lagunare, l’ingegner Tullio Cambruzzi e Luca Vezzà, dei vigili urbani Andrea Badalin e Michele Dal Missier.

In pratica, secondo la ricostruzione dell’operazione coordinata dal procuratore aggiunto Carlo Mastelloni e dal pm Paola Tonini, Antonio Bertoncello aveva realizzato una sorta di rete che comprendeva funzionari del Comune (agli sportelli unici di edilizia residenziale e attività produttive) e funzionari della commissione salvaguardia. Secondo l’accusa, erogando frequenti tangenti variabili dai 1000 ai 4000 euro o con compartecipazioni a speculazioni immobiliari, il geometra beneficiava di un controllo aggiornato e continuo nel settore dell’edilizia privata comunale e presso la Commissione Salvaguardia. Intercettazioni, pedinamenti ed altri accertamenti avrebbero rivelato che i quattro erano dediti a velocizzare e risolvere le pratiche di Bertoncello relative a una ventina di immobili, anche di pregio, spesso trasformati in strutture ricettive.

Un secondo filone dell’inchiesta riguarda invece gli (omessi) controlli da parte di alcuni vigili urbani sempre in cambio di mazzette (attraverso l’escamotage di sponsorizzazioni alla società sportiva della polizia municipale). Andrea Badalin e Michele Dal Missier avrebbero infatti invitato i titolari di hotel e bed & breakfast a fare delle donazioni «spontanee» per tutelarsi su future verifiche. E tra le strutture che in questi ultimi mesi avrebbero pagato ci sarebbe anche la Palazzina Grassi con 3.800 euro.

Il sindaco di Venezia Giorgio Orsoni ha subito convocato una conferenza stampa: «Abbiamo aperto un’inchiesta interna amministrativa e abbiamo già avviato una riorganizzazione del settore per prevenire altri casi simili». Gli arrestati, ha comunicato il primo cittadino, sono stati subito sospesi e i cinque indagati sono stati trasferiti. I tre del settore edilizia all’archivio storico e i due della polizia municipale al magazzino vestiario.

«Al momento non c’è alcun coinvolgimento di politici» ha detto in conferenza stampa Carlo Mastelloni. Che accusa: «E’ stata un’offesa alla città di Venezia, un tradimento- perchè vi sono tecnici destinati al controllo e alla conservazione del patrimonio abitativo e monumentale della città che hanno tradito la loro funzione».

(Qui e qui e qui trovate altri articoli apparsi sulla stampa locale)

Quando la Legge riesce a toccare il malaffare del funzionariato comunale, io godo. Siano pure due ingegnerucoli da niente, un vigile, un geometra. Il prossimo passo, parlando di Vigili urbani, sarebbe pizzicare quelli che chiudono entrambi gli occhi di fronte ai debordanti plateatici di certi ristoranti, che venderebbero la madre pur di piazzare due tavoli in più. Ma non occorre vendere la mamma, basta una mazzetta all’amico vigile. E stiamo ancora parlando di pesci piccoli. Delle grosse magnarìe, come si dice qui, e delle gravi irregolarità relative agli accordi tra i grandi gruppi immobiliari e i sindaci, si parla molto nei bar, ma ancora non sembra esservi inciampato alcun giudice.

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Le prime pulci alla nuova giunta Orsoni

Abbiamo i nomi. Venezia ha il suo nuovo governo cittadino, e vale la pena di spendere alcune parole sulla sua composizione. Si tratta della stessa giunta, che, nelle promesse di Orsoni, sarebbe diventata una sorta di “laboratorio” all’insegna del rinnovamento? Parrebbe di no, d’altronde chi scrive è un anarcoide disfattista, pessimista e provocatore.

Dunque, ricapitoliamo, “una giunta all’insegna del rinnovamento”. C’è in effetti un’unica riconferma rispetto alla precedente amministrazione, quella di Sandro Simionato, ora vicesindaco. Benissimo. Ma il nuovo assessore ai trasporti è lo stesso Ugo Bergamo (UDC), sindaco dal ’90 al ’93, prima di Cacciari? Ed è lo stesso membro laico del CSM che si diede un gran da fare per far trasferire alcuni magistrati scomodi dalle loro sedi? E’ proprio lui. La lunga marcia alla conquista del Centro richiede certi compromessi, si sa, a partire dal potere conferito a un partitino come l’UDC e alla scelta di un sindaco espressione della Curia.

«Dare spazio alle donne» è il modo più semplice, oggi, per sembrare progressista anche quando sei conservatore. Orsoni, che aveva promesso una giunta con una grande presenza femminile, di fronte alle due sole assessore, si rammarica di «non averne trovato di più». Forse avrebbe dovuto cercare meglio. A Carla Rey va il Commercio (e chi meglio dell’amministratrice di uno storico caffè di Piazza S.Marco e vicepresidente dell’Associazione Pubblici Esercenti?) e a Tiziana Agostini la Cittadinanza delle Donne, e una nutrita serie di altre deleghe, perlopiù simboliche (tra le altre, quella alla “città metropolitana” e alla Toponomastica…). Evidentemente si compensa la scarsa presenza femminile in giunta con un surplus puramente nominale di incarichi.

A proposito di deleghe: ormai da tempo le denominazioni sintetiche (Cultura, Trasporti, Lavori Pubblici, etc.) da sole non bastano più e sono quindi accompagnate da una serie di incarichi relativi a settori specifici, spesso legati alla “complessità dei contesti urbani contemporanei”, alla nascita di problematiche e istanze del tutto nuove, che è difficile far rientrare nelle vecchie classificazioni. Ad esempio l’informatizzazione di una città, la diffusione della Rete e quindi quella che viene chiamata (orribilmente) “cittadinanza digitale”, a che settore dovrebbe afferire? Ai lavori pubblici? O alla cultura? Un bel problema. In questo caso la delega è stata conferita all’assessore all’Ambiente (e alla Città Sostenibile), Gianfranco Bettin. Una scelta di questo tipo può essere giustificata dalle competenze individuali dell’assessore (?) o dalla contiguità di certe tematiche: ambiente e “green-economy”, che nessuno sa bene cosa sia, ma avrà senz’altro a che fare con la produzione immateriale e quindi con la Rete. Ma anche no. Il sempreverde Bettin resta a fare da mosca cocchiera, destinato giustamente all’Ambiente, alla Cittadinanza Digitale e alle Politiche Giovanili e di Pace. Dopo la scelta autonomista dell’ultimo congresso nazionale, i Verdi conservano a Venezia la gestione delle piste ciclabili e degli “spazi pubblici autogestiti”. Del tutto innocui rispetto alle grandi scelte strategiche sulla città, e anzi utili in quanto mediatori di talune (marginali) conflittualità, continuano il cammino iniziato quasi vent’anni fa.

Ai Lavori Pubblici e all’ Urbanistica, due assessorati ‘pesanti’, a cui fanno capo la gestione e lo sviluppo degli spazi cittadini, vanno rispettivamente  Alessandro Maggioni, coordinatore comunale del PD, (cui vanno anche le specifiche deleghe a ‘gare e contratti’ ed ‘espropri’), ed Ezio Micelli, il ‘tecnico’ del lotto, docente di estimo e valutazione economica del progetto allo IUAV e presidente del CdA di IVE, controllata del Comune in campo immobiliare. A loro il compito di portare a compimento, in maniera il più possibile indolore, le strategie, ormai irreversibili, articolate nei tre lustri dell’era Cacciari/Costa. In estrema sintesi: incrementare lo sviluppo edilizio in terraferma usando la città storica come esca e vetrina, mantenendo ben saldi i legami con i soliti noti, consorzi di imprese, grandi general contractors, gruppi immobiliari in quota al Centrosinistra (come ha sarcasticamente rilevato un amico anarchico all’indomani delle elezioni, “Non cambia granché: ha perso Ligresti e ha vinto Caltagirone”). È la storia grottesca di una splendida signora che si prostituisce per pagare il chirurgo plastico alla sorellina brutta. Senonché la belle de jour è veramente malata, e mentre paga chirurgia estetica alla sorella offrendosi a cani e porci, rischia di rimanerci secca. Siamo tutti curiosi di vedere come sarà possibile garantire la salvaguardia della città storica e della laguna, prosciugati dal MOSE i fondi della Legge Speciale per Venezia. Probabilmente lasciando mano libera agli speculatori, come si è fatto finora. E, a proposito di MOSE, l’assessorato alle attività produttive va nientemeno che ad Antonio Paruzzolo, amministratore delegato di Thetis. La politica si fa da parte e premia la “cultura del fare”, proprio come diceva B.

“Venezia, città della Cultura”, un refrain ormai fiacco e tuttavia sempre ripetuto, soprattutto in questi anni in cui la cultura è sempre meno servizio alla cittadinanza, e sempre più business puro. E infatti Orsoni tiene per sé la delega al settore, “proprio per l’importanza che la cultura riveste nella nostra città”. Qualcosa non torna. La cultura è importante, quindi eliminiamo l’assessorato alla cultura? Il fatto è che probabilmente le funzioni dell’assessorato, ormai schiacciato – un po’ ovunque nel Paese, non soltanto a Venezia – sulla moda (fuori tempo massimo) dell’effimero e soprattutto sulla volgare logica imitativa del “Grande Evento”, saranno svolte degnamente dalla società creata alla bisogna durante l’ultima giunta Cacciari, Venezia Market(t)ing & Eventi. I carnevali, i capodanni e i concerti delle popstar “nella meravigliosa cornice di Piazza S.Marco” sono il presente e il futuro della cultura a Venezia. A sviluppare i contenuti in manifestazioni di quel tipo, sarà poi il direttore artistico che succederà a Balich. Al sindaco resta il compito di slacciare i cordoni della borsa, per cui la delega ad Orsoni è più che sufficiente.

Forse la presenza del sindacalista Bruno Filippini alle Politiche della Residenza e dell’ex rettore di Ca’ Foscari, Pierfrancesco Ghetti a Sicurezza e Territorio (entrambi IDV), potrebbe rappresentare all’interno della giunta una qualche discontinuità reale? Davvero saremo costretti a guardare a due dipietristi come agli unici garanti della legalità all’interno di una giunta segnata dai conflitti d’interesse, in cui le solite logiche spartitorie sono così evidenti da apparire persino candide?

Contrassegnato da tag , , , , ,