Archivi tag: crisi di governo

Basta che funzioni

Il muscolo corrugatore è contratto in modo differente dal solito, il fiero cipiglio del guitto da spiaggia ha lasciato il posto alla maschera dell’angoscia, alla smorfia del colitico. I caffè in questi frangenti non aiutano, ma il ministro se ne fa servire uno per berlo sotto il naso del presidente del consiglio proprio mentre questi gli rivolge la sua dura – ancorché ridicolmente tardiva – reprimenda. Quando Salvini porta alla bocca la tazzina, lo deve fare con due mani, come a combattere un tremore. Nessuno ovviamente gli riserverà lo stesso trattamento che i vermi suoi fan hanno riservato ad Angela Merkel. Nessuna ipotesi di Parkinson, debito di sonno, disidratazione, eccesso di caffeina verrà formulata, perché il tremore di Matteo è soltanto il temporaneo tremore dell’incazzatura. Più precisamente, è il tremore di chi si incazza raramente, il che dimostrerebbe la presunta umanità di Salvini lontano dalle telecamere o dai social. Io, però, del “vero” Salvini non so che farmene. A me interessa l’interpretazione, non il guscio dell’attore. Ebbene, tra quelle viste oggi al Senato, la performance dell’ormai ex-ministro risulta la più rozza, la più incerta e la più povera sul fronte dei contenuti: qualità perfette per garantirne il successo presso il grande pubblico. O davvero qualcuno crede che il sacrosanto richiamo alla cultura istituzionale e alla laicità dello Stato o le citazioni di Jürgen Habermas e di Martin Buber abbiano sulle tribù dello stivale una presa maggiore dei richiami alla famiglia, alla nazione più bella del mondo, alla libertà dallo Straniero – quello a Bruxelles e quello sui barconi – e alla Madonna dell’Immacolata? Ovviamente, se devo sperare ancora in qualcosa, spero che Salvini venga tenuto lontano dal potere il più a lungo possibile. Vorrei non dover assistere ad altri episodi di sadismo sui migranti e non vorrei dover emigrare io stesso, per cui ben vengano il “governo dei responsabili”, la “coalizione Ursula” o un nuovo incarico al Cottarelli di turno, e scordiamoci pure i risentimenti personali, come ha ricordato oggi Renzi. Riuscire ad arrivare al limite del semestre bianco – tra un anno esatto – scongiurando così il rischio di un Presidente della Repubblica al servizio di questa destra sarebbe già un ottimo risultato. Il rischio che i consensi del barbuto capponcino crescano ancora nella maggioranza decervellata degli elettori, anche senza la campagna elettorale permanente pagata dal ministero, è reale, ma a questo punto tanto vale correrlo.

Contrassegnato da tag , ,

Te lo meriti, Matteo Salvini

In fondo hanno avuto ragione quegli intellettuali – qualcuno li definirebbe tecnici, ma per me i tecnici sono intellettuali a tutti gli effetti – che negli ultimi vent’anni hanno lavorato sodo perché la politica si riducesse a una faccenda di comunicazione o, più precisamente, a un’arte performativa, a una forma di spettacolo. Quest’ultimo anno di (s)governo non è stato altro che un’orribile recita a soggetto in cui si è messo in scena il personaggio più amato dall’italiota medio: sé stesso. Tredici mesi di fescennini ininterrotti in cui Matteo Salvini si è fatto rappresentante del carattere profondo di questa nazione moralmente, culturalmente ed economicamente alla frutta. Il consenso, del resto, oggi si conquista così: non applicando rimedi al declino, ma riproducendo – in grande, al centro di un elaborato apparato scenico che oggi comprende fessbook e compagnia – le urla, la rabbia e il gran stridore di denti dei protagonisti attivi e passivi di quello stesso declino. Gli elementi base di questa rappresentazione sono talmente noti che è quasi inutile elencarli: lo sguardo malevolo dell’italiano appena si mette in strada al mattino, il sarcasmo rivolto sempre ai più deboli, la violenza non solo verbale, l’incapacità di mettersi nei panni dell’altro, l’indisponibilità ad occupare la zucca con qualcosa di diverso dalle pulsioni primarie, di produrre un pensiero, eccezion fatta, ovviamente, per il calcio, che impegna tutta la scarsa capacità di astrazione dell’italiano medio. E poi l’arroganza ridicola di chi, non avendo mai avuto il coraggio di guardarsi allo specchio della storia, si crede superiore a tutto il resto del mondo. Cos’è, in fondo, il sovranismo, se non la sommatoria delle singole arroganze, della vanagloria di tanti individui, generalmente i peggiori che una nazione possa esprimere? Ed è in virtù del grave disturbo narcisistico – o “delirio narcissico”, come lo chiamava Gadda in Eros e Priapo quasi ottant’anni fa – da cui è affetta la maggior parte degli italiani che Salvini, conclusa la tournèe, lasciati gli arenili e indossata la cravatta, può passare all’incasso senza il timore di finire sputazzato dal pubblico, come accadrebbe in una piega dello spazio-tempo meno bizzarra della nostra. No, il pubblico finora pare aver gradito molto l’interpretazione e probabilmente, tra ottobre e novembre, consegnerà al suo idolo il ruolo di capocomico. Chi davvero crede che questa sceneggiata si possa ancora chiamare “politica” non tarderà a “disegnare scenari” o a “individuare responsabilità”, guardando all’interno del ceto politico. Si interrogherà sulle sorti dei casaleggesi, sul futuro di Giggino, tra mandati zero e mandati meno uno, sul possibile nuovo partito di Renzi, sulla soddisfazione di Zingaretti che finalmente potrà far sloggiare i renziani ancora in Parlamento, su Berlusconi che ancora ci crede – non si bene a che cosa, ma Silvio ancora ci crede. Peccato che tutta questa roba non sia più politica, ma commedia. Gli Italiani adorano la commedia. Amavano essere ritratti dalla ferocia di un Risi o di un Monicelli, li divertiva vedersi nei panni di qualche pícaro moderno con la faccia di Sordi o di Gassman. Riuscivano se non altro a ridere di loro stessi. Oggi che la politica è morta e la commedia dai teatri e dai cinema si è trasferita nei palazzi del potere, gli Italiani non ridono più, ringhiano. A ottobre inizierà dunque la nuova stagione teatrale e metà del Paese già ringhia di felicità all’idea di poter assistere allo spettacolo di un Salvini ancora più tronfio – difficile a credersi – e finalmente dotato di “pieni poteri”. Ciò che apprezzeranno in particolare – anche se ancora non lo sanno – sarà il suo potere di «far venire giù il teatro». In senso non figurato. Auguri a tutti e occhio al soffitto.

Contrassegnato da tag , , , ,