Archivi tag: enrico letta

Ecco fatto

E bravo Matteo, che è riuscito finalmente nel suo intento: arrivare al governo del Paese. Ci è riuscito rimangiandosi la parola, facendo l’esatto contrario di quanto promesso a noi che l’abbiamo sostenuto, ma non importa. E’ possibile che il senso di delusione di questi giorni renda il mio giudizio assai più severo del necessario, ma importa ancor meno. Abbiamo un governo, sostenuto dalla maggioranza del mio partito, composto in parte da gente valida, il momento è quello che è («delicato», «drammatico», «cruciale», etc.), siamo tutti italiani, e (parlo per me) non proprio benestanti, per cui se ancora conserviamo un po’ di buon senso dobbiamo sperare con tutte le nostre forze che Renzi riesca a combinare qualcosa di buono. E lo faremo, con la pancia. La testa continuerà però ad essere impegnata nella critica, nella lettura dei dati, per così dire. Dati non proprio confortanti, a partire dalla composizione della squadra, che dice tutto senza necessità di commenti: Il presidente di Legacoop al Lavoro, l’ex presidente dei giovani industriali allo Sviluppo Economico, Emma Bonino defenestrata dagli esteri (troppo titolata, verrebbe da dire), il 50% dei ministeri a donne che sono in parte appendici femminili del premier, la conferma delle poltrone al Nuovo Centro-Destra, la sistemazione della quota D’Alema/Cuperlo/Bersani (La Ditta), la sistemazione (non richiesta e un po’ scorretta) della quota Civati. Le arrampicate sugli specchi sono inutili: Matteo Renzi presiede un governo squisitamente consociativo, e confermo qui quanto vado dicendo da mesi: stiamo vivendo la nascita del Pentapartito 2.0. Peccato che molti di noi avessero scelto Renzi proprio pensando di riuscire così a liberare finalmente l’Italia dal Centro, dalla DC perenne, dal doroteismo, dall’immobilismo…L’unica grande novità di Renzi consiste probabilmente  nell’essere un Premier-Sindaco, cioè un premier dei sindaci. Il legame con gli amministratori locali – cioè, in sostanza, il tema dello sforamento del patto di stabilità – è una delle chiavi del suo successo e della sua futura azione di governo. Sacrosanta l’attenzione ai comuni, per carità. Se però l’approccio è «da pentapartito», e cioè clientelare, attento a non rompere lo status quo, a minimizzare le responsabilità delle amministrazioni locali, considerate a priori vittime della disciplina di bilancio, beh, di quest’attenzione farei volentieri a meno.

Che cosa possiamo aspettarci da un governo espressione della stessa, identica maggioranza di quello precedente? Il nuovo Presidente del Consiglio si è affrettato a precisare che, al contrario del «governo di servizio» di Enrico Letta, il suo sarebbe un esecutivo politico. Meraviglioso: a maggior ragione la linea sarà quindi condizionata dalla puerile fronda degli Alfaniani, legati da un guinzaglio lunghissimo e quasi invisibile, ma resistentissimo, a Forza Italia. Che cosa potrebbe davvero cambiare con Renzi? Siamo d’accordo, tra lui e Letta la differenza è abissale, soprattutto in termini di carisma e di stile. Renzi colpisce e parla a tutti, per questo l’abbiamo scelto. Pensavamo che potesse rompere quell’equilibrio tra berlusconismo e antiberlusconismo che da vent’anni tiene bloccato un Paese in profondo declino. Quello stile può non piacere, ma funziona. Sullo stile di Renzi, su Matteo Renzi come oggetto politico-semiotico, nei dieci giorni che separano il voto in Direzione Nazionale dalla fiducia a Montecitorio si è scritto e detto di tutto. Il lessico, la retorica, il timing, la prossemica, la mimica, le macchine, i capelli, le giacche, le cravatte. Piccoli dettagli che, intepretati e sovrainterpretati dai professionisti della comunicazione politica, dagli «analisti», da noi dilettanti tuttologi di twitter, dovrebbero restituire dei messaggi molto semplici e molto chiari: il «cambio di passo», la rottura di vecchi schemi, lo svecchiamento del potere, il riavvicinamento della politica al «Paese reale», e così via.  Tutto giusto, quello stile funziona benissimo, trasversalmente, con gli elettori. Il problema non secondario è che le elezioni il buon Matteo le ha evitate. Ha preferito la scorciatoia di palazzo. E nel palazzo contano i numeri e i rapporti di forza con gli amici più o meno interessati. Che un giorno possono decidere di farti lo sgambetto, magari dopo averti ripetuto per mesi di stare sereno… Ripeto, siccome non voglio vedere affondare il mio Paese, mi auguro che Renzi riesca a realizzare anche solo una minima parte del suo (ancor vago) programma. Tiferò per lui da italiano. Tiferò per lui anche in quanto nemico della feccia grillina. Certamente, all’interno del PD, come si dice in questi casi, dovrò tenere una posizione interlocutoria. Passo dall’essere «diversamente renziano» a «non-più-renziano», senza per questo dare credito a Civati, né tantomeno alla vecchia maggioranza, responsabile quanto Renzi di questo colpo di mano. In realtà, non mi pesa il non avere più un’area di riferimento nel partito – è forse anzi un sollievo, per un cane naturaliter sciolto come il sottoscritto. Mi pesa però l’essere stato così ingenuo, l’aver investito male le mie speranze – perché non è vero che le mie aspettative fossero proprio minime, come andavo dicendo fino a qualche giorno fa. Mentivo un po’ a me stesso.

Buon lavoro, comunque, Presidente Renzi. Da domani, solo critiche puntuali. E un po’ di satira.

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , ,

La paura ha un nome e si chiama «staffetta».

Premessa necessaria: chi in questi giorni convulsi (inspiegabilmente convulsi, almeno per noi che stiamo fuori dal Palazzo) gridi al golpe è un cretino. Chi invece, più o meno pacatamente, solleva l’obiezione per cui non sarebbe possibile un terzo governo «senza legittimazione popolare» dimentica forse che la nostra è ancora una repubblica parlamentare. Due camere sono state regolarmente elette giusto un anno fa e ogni maggioranza, anche quella espressa in queste sgradevoli larghe intese, è quindi formalmente legittima. Inopportuna, forse, ma legittima. I meno giovani ricorderanno governi che duravano meno di una primavera, e maggioranze smontate e rimontate nel chiuso delle stanze dei partiti, ai tempi del Pentapartito. Ma, già nella cosiddetta Seconda Repubblica, molti di noi ricordano bene la caduta del Prodi I e l’arrivo un po’ piratesco di Massimo D’Alema a Palazzo Chigi. E’ proprio a partire dalla constatazione dell’ingovernabilità del sistema che nascono tutti i discorsi sulle riforme istituzionali, è sempre per questo che in molti abbiamo creduto alla proposta di Matteo Renzi, all’occasione di «cambiare verso» rispetto alla «vecchia politica», ricordate?

Non è un golpe quello che si è consumato in questi giorni, trovando compimento in una direzione nazionale che non ho avuto davvero lo stomaco di seguire fino alla fine, ma una mezza schifezza sì. Una schifezza perché nel giro di poche ore Matteo Renzi, con l’assenso di buona parte del Partito Democratico, si è rimangiato quanto detto e ripetuto negli ultimi due anni, a partire dalla necessità di governare con una maggioranza solida, coesa e coerente, uscita dalle urne e non da manovre di palazzo. Nel discorso fatto al Nazareno poche ore fa, Renzi ha speso parole come rischio e coraggio, ma se il rischio che il tentativo del segretario si bruci (bruciando con sé il PD, e questa volta in modo forse definitivo) appare evidentissimo, meno evidente appare il coraggio speso per compiere il tentativo stesso. E’ paradossale, ma la «strada meno battuta» di cui parla Renzi – strada in realtà battutissima, quella, appunto, del cambio di governo per via di manovre di segreteria – non è stata scelta per coraggio. Questa strada è stata scelta per paura, paura di perdere le elezioni. In buona sostanza, nemmeno troppo tra le righe, Renzi ha ammesso di aver fallito il tentativo di riforma elettorale. Un tentativo partito molto bene, finito così così. L’Italicum – ancora non approvato – può funzionare solo dopo una riforma del Senato, che il governo in carica non sembrava mettere tra le sue priorità. E se poi non ce la si fa e si vota con un proporzionale puro creato dalla Consulta con la macellazione del Porcellum? E che dire della rinascita di Forza Italia coi suoi «clöb» e la sua retorica ultrapopulista? E il brutto clima di antieuropeismo nel quale si terranno le elezioni europee, che rischia di penalizzare il Partito Democratico, percepito più degli altri come «di sistema»? «E se poi al ballottaggio ci vanno B. e Grillo?» Tutti questi timori, più o meno fondati, hanno fatto cambiare idea a Renzi. Eh già, anche Renzi ha paura, una paura fottuta, si direbbe. E’ fortunato perché alla sua paura si aggiungono le paure altrui, all’interno del PD. Gli eletti del 2013, in particolare quelli vicini alla vecchia nomenklatura uscita sconfitta dalle primarie, non temevano forse le elezioni anticipate quanto Renzi? Ora il pericolo di essere esclusi dalle liste viene scongiurato, c’è tutto il tempo per riorganizzarsi…ma per riorganizzare cosa, se partito e governo dovessero fallire ancora? Non riesco mai a capire se si tratti di incoscienza o di cupio dissolvi, ma non ha importanza. Il punto è che la sostanziale compattezza del partito non è grave quanto le decisioni della segreteria, ovviamente. Per me si tratta della prima grande delusione di “diversamente renziano”, del primo vero brusco risveglio. E’ vero che le mie aspettative sono sempre state minime, ma c’è qualcosa nello stile, nella forma di certi atti e di certe prese di posizione che riesce a colpirti negativamente ben oltre la sostanza. La franchezza e la trasparenza, la chiarezza del pensiero, anche non sempre condivisibile, la sostanziale diversità dalla “vecchia politica” erano quindi solo un’illusione? Parrebbe proprio di sì.

Perché soltanto mezza schifezza, dunque? Semplicemente perché, messa da parte la delusione politica, chiunque si dica pragmatico e abbia a cuore le sorti di questo ridicolo paese – le mie, le vostre, le nostre sorti – penserà che in fondo «peggio di così non potrà andare», cercherà anzi di cogliere le possibilità date da questo cambiamento e non potrà che sperare che il governo Renzi riesca a combinare qualcosa di buono. Personalmente non mi sento fiducioso. Per quante critiche abbia fatto a questo strano governo e a quella sorta di Pentapartito 2.0 che lo sostiene, oggi mi sento solidale con Enrico Letta, sacrificato da tutto il suo partito in nome della paura. E’ la solidarietà che provo per i loser, per i condannati che provano ancora a ragionare coi carnefici con la testa già sul ceppo. Ma, più freddamente, mi chiedo appunto perché Renzi, pur non facendo peggio, dovrebbe riuscire a fare meglio di Letta. Che cosa davvero potrà fare in più, alla guida di un governo simil-tecnico sostenuto da un’identica maggioranza che, se mai dovesse cambiare di qualche grado il suo orientamento politico, difficilmente potrà cambiare in meglio? Sento parlare di un possibile sostegno di SeL da una parte, di quello della Lega Nord dall’altra. Insomma si va dall’improbabile all’indesiderabile. Matteo Renzi crede davvero di poter realizzare le grandi riforme necessarie al Paese in queste condizioni, arrivando magari a fine legislatura? Beh, glielo dobbiamo augurare. Io glielo auguro e questo augurio potrebbe essere l’ultima cosa che avrà da me. In bocca al lupo, segretario.

Contrassegnato da tag , , ,

Oleum non olet

Gli impianti petroliferi di Kashagan, sul mar Caspio

Francamente non so più che dire di un governo che fa quadrato attorno ad un ministro negligente, nella migliore delle ipotesi, e di un partito (il mio partito, il PD) privo di una direzione politica e impegnato in una guerra per bande che rasenta ormai il ridicolo. Per cui non dirò nulla. Non mi soffermerei neppure sul merito della vicenda, l’espulsione di un rifugiato politico, o sulll’ulteriore crollo della nostra già malconcia credibilità internazionale. Perché il nodo di tutta l’affaire Shalabayeva non sta, a mio avviso, nel solito scaricabarile tipico delle istituzioni nazionali, né nel ricatto delle larghe intese per cui Letta difende il botolo Alfano manifestando al contempo “grave imbarazzo” per la vicenda, in un capolavoro di retorica dorotea. 

Quello che dovrebbe interessarci davvero sono i 64mila barili di greggio e i 7 milioni di m³ di gas naturale che ENI estrae ogni giorno a Karachaganak, in attesa della prossima primavera, quando si comincerà ad estrarre dal nuovo, importante giacimento di Kashagan, sul mar Caspio. Certo, la nostra stampa non ha mancato di ricordare “gli interessi di ENI” in quelle plaghe, ma l’ha fatto in generale in quello stile dietrologico, venato di demagogia sciocca e di gossip, per cui i cosiddetti interessi forti sono sempre interessi di pochi, e sempre in contraddizione con quelli della collettività. Non ho alcuna intenzione di prendere le parti di ENI, naturalmente. Vorrei soltanto che, pensando al caso della moglie del dissidente kazako, non pensassimo tanto a “Nazarbayev, l’amico di Berlusconi”, quanto ai fornelli e ai termosifoni delle nostre case, ai nostri scaldabagno, alle nostre automobili, alle luci delle nostre città. Perché molti tra coloro che (giustamente) si indignano per il trattamento riservato alla Shalabayeva probabilmente sono gli stessi che si oppongono alle ricerche e all’estrazione di gas dall’Adriatico o dalla pianura padana. I due fatti sono intimamente connessi tra loro, dal momento che l’Italia importa il 90% del proprio fabbisogno di energia. E’ proprio a causa della nostra dipendenza energetica che continuiamo a calare le brache di fronte ai peggiori autocrati del pianeta, aderendo magari alle cause da questi sponsorizzate. In questi giorni non ho potuto fare a meno di ripensare all’Achille Lauro e alla politica mediterranea andreottian-craxiana. Paradossale e davvero grottesco che il trattamento di favore riservato agli assassini di Leon Klinghoffer sia considerato da tanti come un positivo «sussulto di sovranità nazionale». Ma questa è un’altra storia.

Resta il fatto che non possiamo pensare di avere alcuna autonomia o autorevolezza in materia di politica estera senza dotarci di una seria politica energetica. Abbiamo detto no al nucleare e compriamo l’energia prodotta nelle centrali al plutonio a pochi km dai nostri confini; Nessuno di noi vorrebbe le trivelle sotto casa, ma importiamo petrolio e gas dalle steppe dell’Asia centrale, dove comanda un despota a cui consegnamo i dissidenti senza nemmeno darne notizia. E stiamo parlando di un despota di stazza medio-piccola. Immaginate un’incidente simile con la Russia di Putin (40 milioni di m³ di gas estratti dall’ENI ogni giorno), della quale siamo da tempo avviati a diventare stato federato (con capitale Forte dei Marmi). La morale, se ve n’è una, è che ogni indignazione deve sempre fare i conti con la realtà delle risorse materiali. Per qualcuno la soluzione è semplice, e consiste in un drastico ridimensionamento del fabbisogno energetico: la decrescita. Personalmente considero allucinante una simile visione, ma se non altro chi la persegue ha il merito di  portare nel dibattito pubblico la tematica dell’energia, assai più importante per il nostro futuro che non le vicende di troie di un nostro anziano ex-Presidente del Consiglio. O sbaglio?

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , ,

Per gli amanti del revival

Sulle larghe intese mi sono già espresso, e abbastanza rudemente: le vedo come una sgradevole necessità spiegata dall’aritmetica più che dalla politica. Un’esperienza da concludere in fretta. Ma se invece Letta ci prendesse gusto a fare il dog sitter di ARF-ARF-Arfano e decidesse di rimanere per l’intera legislatura? La presenza di Emma Bonino e di Cécile Kyenge basterebbe a far passare il nostro mal di pancia? E’ ancora presto per capire a cosa ci porterà questa bizzarra Spaghetti-Grossekoalition, ma alcune sue caratteristiche non fanno ben sperare. Non mi riferisco alla questione dei processi di B., la quale ormai dovrebbe avere la stessa rilevanza dello shopping di Kate e Pippa. I problemi sono ben altri.

In molti hanno sottolineato un certo passaggio del primo discorso di Letta, al momento di ricevere il mandato, in cui il neopresidente del Consiglio, classe ’66, ricordava che in fondo gli anni ’80 non erano poi stati così male come afferma la vulgata di sinistra. Anni bui, ci avevano insegnato: gli anni della Thatcher, di Reagan, del Pentapartito e di un Craxi che spadroneggiava, di un PCI balbettante, tenuto in vita, in virtù di un larghissimo consenso, un decennio in più di quanto sarebbe stato auspicabile. Gli anni dell’ascesa di Berlusconi nel campo dei media, e quindi del supposto rincoglionimento televisivo di massa. Anni caratterizzati da un’estetica considerata dai più brutta, anzi bruttissima. Fine delle stramberie ’60-’70, fine del modernismo ordinato, gli anni ’80 consacrano il postmodernismo e il frullato degli stili. In musica il dominio della drum machine è assoluto (il che non è di per sé un male, in particolare se parliamo di una Roland Tr-808…). Rimanendo nel campo delle politiche economiche, gli anni ’80 sono protagonisti di un mito, causato forse da una sorta di errore prospettico, per cui a Sinistra ci si ricorda del neoliberismo inglese e ammaregano (Ronnie e Maggie, appunto) più che della propria realtà domestica, della quale tutti menzionano unicamente il referendum sulla scala mobile dell’84. Sarebbe comodo credere altrimenti, purtroppo il nostro stato sociale è stato distrutto dalla crisi del debito sovrano, non dai fantomatici “liberisti”.

In quegli anni iniziava l’avventura di un gruppo di giovani economisti vicini a Craxi, oggi incistatisi come zecche nelle trippe del partito-azienda di B. (escludiamo dal novero Giuliano Amato, accomodatosi in tempo utile a Sinistra). Il mio concittadino Renato Brunetta, che già minaccia di far cadere il governo sulla ridicolissima questione dell’IMU, è oggi il loro capofila, ricevuto il testimone da un Tremonti caduto in disgrazia. Questi personaggi, assieme al loro Principe di allora, vengono oggi dipinti come grandi modernizzatori, precursori delle liberalizzazioni e risanatori delle finanze pubbliche, nonostante le loro politiche – sia ai tempi dei due governi Craxi che dei quattro governi Berlusconi – siano state di segno affatto diverso e abbiano anzi causato all’economia italiana danni gravissimi tuttora ben visibili. In realtà, se si vogliono capire Brunetta e Tremonti, i cui contrasti riguardano più i loro Ego smisurati che non la sostanza delle idee, più che alle questioni di politica economica occorre forse guardare alle strategie di conquista del Potere. Il PSI di Craxi e degli allora giovani Giulio & Renato, preso atto dei suoi limiti elettorali, puntava alla “qualità” del consenso, valutato in termini di concentrazione di potere. Mentre la DC era simpliciter interclassista, i socialisti piantavano le loro bandiere in modo più ragionato, da autentiche puttane laureate. Craxi e i suoi avevano mollato la vecchia identità operaia – e quindi un soggetto sociale sconfitto  – per inseguire i ceti emergenti. Com’è noto, ciò avveniva in modo lecito e meno lecito. Per un partito del 12%,  dotato di un apparato fin troppo grosso, che puntava decisamente sull’ambizione personale dei suoi quadri, la corruzione era forse davvero un’opzione obbligata. Allo stesso tempo, il fatto di avere in mano le casse dello Stato permise loro di unirsi alla DC nella compravendita dei consensi ad ogni livello. Le PMI crescevano, la grande industria declinava ma, pubblica o privata che fosse, veniva generosamente sostenuta dallo Stato. Erano anni di benessere, senza dubbio. Non che fosse tutta una Milano da bere, fatta di sciali e gozzoviglie. Io i sacrifici dei miei genitori – dipendenti pubblici – me li ricordo molto bene. E’ anche vero che poterono permettersi una casa. I tassi dei mutui erano a due cifre, ma lo erano anche i rendimenti dei titoli di Stato – il che spiega molto del nostro presente. Ancora mi mangio le mani per aver riscosso, dopo meno di dieci anni, un buono postale da un milione di lire, regalo del nonno, che rendeva la bellezza del 12,5% annuo. Eccoci al punto chiave: gli anni ’80 furono soprattutto il momento in cui il debito pubblico esplose. Spiace per gli appassionati di certa recente agiografia, ma, con i loro 20 punti di PIL mangiati in debito, i due governi Craxi battono qualunque esecutivo della storia repubblicana:

Debito pubblico e governi (Centro Einaudi/Linkiesta)

Insomma, gli anni ’80 come luogo simbolico cui andare nel momento in cui si discute della questione delle questioni, della coppia oppositiva più importante nel dibattito politico: politiche di spesa o di rigore? La natura stessa di questo governo Letta lascia spazio a qualche importante ambiguità. Fatte salve tutte le (enormi) differenze del caso, questo governo ricorda davvero le grandi ammucchiate messe su da democristiani e craxiani ai tempi belli. Si dirà che oggi abbiamo a che fare con dei democristiani giovani e liberaleggianti (assai più liberali dei craxiani, come abbiamo visto). Vero. Ma, in linea di massima, le culture politiche maggioritarie di questo Paese sembrano più adatte a distribuire ricchezza quando ce n’è (e anche quando non ce n’è), che non a riformare radicalmente le istituzioni e l’economia. Tornando a Brunetta, rigorista superficiale, tanto aggressivo rispetto al mondo del lavoro quanto “keynesiano” se si tratta di grandi opere. E’ sua, ad esempio, la curiosa idea delle cinquanta centrali nucleari da costruire “per far scendere il prezzo di gas e petrolio”, pagate naturalmente a debito (eurobond “garantiti dalle riserve auree della Banca Centrale”). Una roba molto anni ’80, non trovate?

Suvvia, basta con le cazzate, mi direte. Ormai quei tempi son lontanissimi. L’integrazione europea ha fatto passi enormi, da allora. C’è l’unione monetaria, i nostri creditori non ci lascerebbero mai tornare a vivacchiare. Piuttosto, rimane il dubbio che la grande buffonata demagogica dell’IMU altro non sia che un geniale trappolone architettato da Berlusconi luimême. La meccanica è elementare: andare ad elezioni ora, col pretesto dell’IMU e con un PD agonizzante, significa stravincerle e sentirsi in diritto di non fare prigionieri. Restando su un piano strettamente politico, al di là della nota persistenza dell’eredità craxiana, la vera (pessima) notizia è che tanti cattolici si stanno ricoagulando attorno ad un centro per ora ancora virtuale. Ci pensino in fretta, gli scontenti e i nostalgici querciaioli. Lascino perdere le super-Sel e stiano ben lontani dai diciannovisti pentastellati. Perché se per caso una nuova DC dovesse nascere, in questo Paese non cambierebbe davvero più nulla per un altro mezzo secolo almeno [sempre che non succeda qualcosa di peggio, anche grazie ai fasciogrillini e a tanti utili idioti. Ma  questo è soltanto un mio incubo ricorrente]. Perciò sono convinto che l’obiettivo politico più importante sia quello di tenere insieme i pezzi del Partito Democratico ad ogni costo. Oppure il passato ritornerà, e questa volta per restare a lungo.

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,