Il mio appello a Marco Pannella

(c) Ansa/Maurizio Brambatti

Caro Marco,

Nelle settimane precedenti stavo per proporre ai miei trenta lettori un post su tutto quello che non andava nell’azione dei Radicali, sulle tue tirate a volte inutilmente provocatorie, spesso del tutto incomprensibili a noi poveri di spirito, su quanto spesso tu mi faccia incazzare. Ma oggi c’è qualcosa di più urgente. Da ormai una settimana insisti a non voler mangiare né bere niente. Questo, dicono i dottori, in pochi giorni renderà inservibili i tuoi poveri reni, costringendoti alla dialisi a vita. Per non parlare del grave rischio che corre il tuo vecchio cuore. Paradossalmente, più la tua situazione si aggrava, più i bollettini medici, fatti di azotemia, di chetoni e di complicanze cardiocircolatorie, oscurano le motivazioni del tuo sciopero. Ormai comunque credo quelle ragioni le conoscano in molti. Col tuo sciopero, prendi le parti degli ultimi tra gli ultimi, cioè di chi sta in galera. Le condizioni delle nostre carceri sono disumane. Lo riconosce l’Europa, che per questo (e per cento altri motivi, in cento altri settori) ci sanziona. Mettendo a rischio la tua vita, chiedi l’amnistia, precisando che l’amnistia è soltanto un primo passo e che quello che serve è riformare il sistema carcere, che nel Paese di Cesare Beccaria non corregge alcunché, ma genera altro crimine e marginalità. E, più ancora, serve riformare in profondità la giustizia, anche nel senso di una depenalizzazione di tanti reati che non dovrebbero proprio essere tali.
Io credo che gli Italiani tutto questo lo sappiano, ma che le loro coscienze non ne siano granché smosse. Del tutto legittimamente, anche i più sensibili tra loro hanno priorità diverse. Non ci si può fare nulla. Gli altri di amnistia non vogliono proprio sentir parlare, molti di loro preferirebbero anzi il cappio, il ceppo del boia, la sedia elettrica. Credo siano la maggioranza, silenziosa in tempi di vacche grasse, rumorosa in tempi di crisi. Sono quelli che qualche tempo fa ti sputazzavano, accusando i radicali di aver “salvato un camorrista” dopo l’astensione su Cosentino. Non conoscevano i fatti. O non avevano fatto il minimo sforzo per conoscerli. In ogni caso, avevano bisogno del loro capro espiatorio. Credi nella possibilità pedagogica della non-violenza, ma nemmeno tu credi sia sempre possibile smuovere quella maggioranza. Per questo cerchi spesso – e spesso trovi – «nomi vitali, come nel 1976, perché quelli urgono», per questo riproponi oggi un «elenco illustre». Anche su questo ci sarebbe molto da riflettere.
Rischi la vita con lo sciopero totale della fame e della sete per chiedere al Presidente della Repubblica – quel «Re Giorgio» cui ingiustamente attribuisci riflessi «tra il controriformistico e lo stalinista» – di sollecitare il voto del Parlamento sull’amnistia, in modo da interrompere quella che hai definito la «diretta riproposizione sociale, morale istituzionale della Shoah» [sic!] che sarebbe data dalla condizione della Giustizia e delle carceri italiane. In questo c’è tutto te stesso. Pannella il liberale, Pannella l’indifendibile provocatore, Pannella il pazzo, Pannella l’istrione, Pannella il Santo. Santo, perché soltanto i santi possono occuparsi dei malfattori, dei ladri, dei tossici, dei reietti di ogni tipo e di tutti i prigionieri innocenti. Santi che a volte diventano martiri. Hai dunque deciso di volerti trasformare in martire? Sicuro di essere più utile alla democrazia da morto, stampato sulle bandiere assieme a Gandhi (uno che è stato ucciso dalla violenza, e mai avrebbe voluto immolarsi in un gesto non-violento – ammesso che il suicidio possa essere definito “gesto nonviolento”). Io sono sicuro di no. Egoisticamente, desideriamo tutti un Marco Pannella in piena salute. Ed egoisticamente, Marco Pannella dovrebbe desiderare di essere in piena salute.

Caro Marco, secondo me essere liberali significa anche non perdere mai il senso della misura, il senso del limite. Fermati finché sei in tempo!

La Costituzione, Christian Rocca e i nuotatori della marana

Che faccio, prendo il Corrierone? Sì, dai, il corrierone, bello spesso, tanta roba da leggere. Però fa caldo, e se poi c’è il corsivo di Falli della Roggia mi innervosisco, che fatica. Pure il formato non aiuta. E se invece prendessi un bel mégasin patinato? Un “Venerdì”? Quanto tempo è che non prendo “Il Venerdì” di Ripobblica? Bof. Alternative…eccola là. E’ il primo giugno ma tento ugualmente e chiedo il numero di maggio.
«Senti, ce l’hai ancora “IL“?»
«Il maschile?» fa l’edicolante.
«No, il mensile…sì insomma il mensile… di cultura del Sole 24 ore»
Proprio così, “di cultura”, gli dico. Giudicatemi male, me lo merito.
«Eh, “IL”, del Sole»
«Sì, ecco, “IL”», ribadisco, ma la scarsa lucidità del mattino, unita certo al clima atroce, da metropoli subtropicale, mi manda in confusione e il mio povero cervello traduce la definizione di “maschile” in immagini di automobili, playmate poppute e attrezzi da palestra. Essù, sveglia, giù dalle brande! “IL” maschile, nel senso di magazine-mensile-maschile. De cultura e politica e attualità, certo, semplicemente orientato in base al genere. Nel senso che questa pubblicazione si rivolge ai possessori di pene e testicoli. Me li tasto con delicatezza, mentre l’edicolante si gira per prendere la rivista. Sono al loro posto.
«Quant’è?»
«Te lo regalo, è il numero di maggio…e cosa vuoi che ti faccia pagare, 50 centesimi?»
Edicolante modello.
Bello, questo mègasin, graficamente. Da un punto di vista materiale, maschile ma non troppo virile, a dire il vero: in mano resta infatti un po’ molliccio, sarà per via della grammatura della carta e della rilegatura. Ma la sostanza pare buona, a giudicare dai nomi dei collaboratori. Prevale la parrocchia terzista-fogliante con le sue migliori penne, c’è Saviano con un articolone sulla violenza criminale in Sudamerica, e altre cosucce interessanti, mi sembra. Dico “mi sembra” perché purtroppo la rivista l’ho scordata sul tavolino di un bar dopo pochi minuti, e con quest’afa non ce l’ho proprio fatta a tornare indietro a prenderla. Qualcosa però ho fatto in tempo a leggerla. Un estratto dal prossimo libro di Luigi Zingales, il padovano di Chicago, ad esempio. E l’introduzione alla serie di articoli sulla Costituzione Italiana – cioè sulla supposta necessità di cambiarla – a firma del direttore, Christian Rocca. Rocca chi? Quello che va raccontando in giro da dieci anni la storiella secondo cui (il mio amatissimo) La Versione di Barney sarebbe stato portato al successo in Italia dal Foglio? Massì, lasciamoglielo pure credere, in fondo c’è qualcosa di teneramente infantile in questa millanteria. Non si riesce nemmeno a rimanere infastiditi dal ridicolissimo tentativo di fare della Versione una sorta di manifesto implicito dei nostri neo (e teo) con alla vaccinara. Tutta gente che si è fermata prima di leggere la postilla di Mike, al termine del romanzo, tutta gente che un giorno scoprirà la componente edipica del proprio posizionamento politico. E chi se ne frega di simili inezie, in fondo? Quando però gli stessi personaggi si mettono a scrivere di Costituzione, la faccenda si fa un tantino più seria. Perché va bene che siamo lettori curiosi del Foglio, che le utopie non ci piacciono e che la sinistra italiota ci fa pena, che semo tutti quanti open-minded, senza più dogmi (il mio, a dire il vero, ce l’ho ancora: i fascisti lo chiamano “dogma antifascista”), che saremmo curiosi di vedere un po’ di libero mercato in questo Paese, anche solo per vedere l’effetto che fa. Ma a tutto c’è un limite, signori, soprattutto alle cazzate. Vediamo un po’ che cosa ci racconta Christian – con l’acca – Rocca sulla Costituzione repubblicana. Innanzitutto dice che la nostra non è la Costituzione più bella del mondo. Il che ci può stare, perché no. Mica è caduta sul Sinai. Che ci spieghi il perché.

Nessuno nega che il testo del 1948 abbia svolto un compito importante e decisivo nell’Italia post fascista né che sia stato a lungo tutela e garanzia democratica di un Paese uscito malamente dalla dittatura mussoliniana. Ma dalla fine della Seconda guerra mondiale sono trascorsi sessantaquattro anni, e ventidue dalla caduta del Muro di Berlino.

Capito, la Costituzione non va più bene perché è vecchia.

Non che il problema sia l’anzianità della Carta. L’età non c’entra niente con la sua inadeguatezza.

Contrordine: non è un problema d’età.

Alcune Costituzioni, quelle nate nel modo giusto, addirittura migliorano con gli anni. La Costituzione americana, nata come esperimento democratico inaudito, è di due secoli fa ma ancora adesso è fresca come un fiore

La Costituzione Ammaregana, certo. Che è nata nel modo giusto, si suppone. Mentre la Costituzione Italiana è nata nel modo sbagliato. Cioè a dire, in che modo?

La Costituzione italiana è di un altro tipo: non è il prodotto di una rivoluzione democratica e liberale,

Certo che no, lo sappiamo.

non è frutto di una lotta di liberazione nazionale, ma è figlia di un particolare incrocio storico e politico post bellico.

Un particolare incr..I beg your pardon, sir:

“non è frutto di una lotta di liberazione nazionale”. Perché la Resistenza non fu una lotta di liberazione? Pare di no:

La nostra Costituzione è nata dalla devastazione di un Paese sconfitto e per molti versi è stata anche un ottimo compromesso ideologico che ci ha consentito di superare la Guerra civile e di allentare le tensioni tra i blocchi contrapposti. Se fino agli anni Settanta siamo stati l’unica democrazia del Mediterraneo,

Ma non mi dire. E Israele che fine ha fatto? Ah già, ce ne ricordiamo solo quando serve a mettere in piedi qualche polemica. (Sull’esistenza della Francia mediterranea potrei dilungarmi ma non lo farò)

un Paese capace di superare la drammatica stagione del terrorismo rosso e una nazione in grado di ridurre a triste caricatura i tentativi di golpe della destra, il merito è anche di quel testo redatto dai Padri fondatori della nostra Repubblica.

Del terrorismo e dell’eversione di destra – quella delle bombe – non rimane nulla, nella sintesi di Rocca. Resta soltanto la “triste caricatura” dei golpe stile Vogliamo i colonnelli. Ma non ci lamentiamo, in fondo Rocca riconosce qualche merito ai Padri fondatori. Purtroppo non basta:

Oggi però non è più così. Siamo tutti consapevoli che la Costituzione del 1948 non è più all’altezza della situazione.

Tutti consapevoli, dice. Ma di che altezze – o bassezze – parla? Che abbia deciso di spiegarci finalmente il perchè?

Altrimenti non si spiegherebbero i tentativi di cambiarla, compresi quelli recentissimi di Alfano, Bersani e Casini

Alfano. Angelino Alfano. Quello del Lodo…Scusate, mi ero distratto. Dice Christian Rocca: la Costituzione non va più bene perché altrimenti nessuno avrebbe tentato di cambiarla. Quando il pragmatismo anglossasone incontra la caponata di melanzane. So impressive.

Non spetta a IL entrare nel merito dei principi e delle regole da cambiare nella Costituzione. Rientra però nei compiti di una rivista di attualità ribadire che la Costituzione va cambiata, ok, ma non a spizzichi e bocconi, non rubacchiando una norma alla Quinta repubblica francese e il resto al cancellierato tedesco o al presidenzialismo degli Stati Uniti. Le Costituzioni non nascono a tavolino. [?] Il tentativo di migliorare la Carta con interventi rapsodici e successivi è stato il grande errore di questi anni. A confusione si è aggiunta confusione. A problemi si sono sommati altri problemi. Qualche miglioramento c’è anche stato, ma a danno di una visione di insieme, di un sistema coerente, di regole chiare.

Il titubante avvoltoio gira attorno alla carogna ma non si posa. Rocca parla poi di legge elettorale, del ruolo del Presidente – che di fatto, dice Rocca, conta già più di quanto non dica la Costituzione, e quindi tanto vale diventare una repubblica presidenziale. Ma quello che veramente non gli va non ce lo vuole dire. Lo fa dire al ben più navigato Piero Ostellino. Non oseranno prendersela con Ostellino, pensa Rocca.

Se il problema fosse soltanto quello del funzionamento degli organi costituzionali, non saremmo neanche messi male. Piero Ostellino sostiene da anni, pressoché solitario, che la causa principale del ritardo del nostro Paese sia la struttura socio-economico-costituzionale ancora collettivista, dirigista, corporativa. Abbiamo un ordinamento giuridico che non si fonda sull’individuo ma sul lavoro, su un’astrazione collettiva stabilita dall’articolo 1 della Carta. Secondo Ostellino sono i principi della Costituzione, ancora più che le regole, a essere superati. Difficile dargli torto.

Eccoci qui, dove volevamo arrivare sin dall’inizio. Naturalmente, degli orientamenti sociali della Costituzione o della “modernizzazione del Paese” non frega nulla a nessuno dei cosiddetti liberali che scrivono su IL. La propaganda in favore di una riscrittura radicale della Costituzione è stata in questi anni uno dei più remunerativi lavori su commissione presi in carico dai pennivendoli terzisti, dotati o meno di qualche competenza in materia. L’obiettivo è produrre e diffondere la volgare falsificazione secondo cui la carta del ’48 sarebbe una sorta di porcheria totalitaria, mezza cattocomunista e mezza fascista, che è dovere di ogni “liberale” contribuire a riformare. Che i liberali propriamente detti avessero contribuito a scriverla, quella costituzione, che i veri liberali oggi la difendano, è del tutto irrilevante. Un Berlusconi defilato ha reso ancora più semplice il compito dei pennivendoli, i quali riescono persino a mettere da parte la loro vis polemica. Almeno sinché parliamo di riforme costituzionali, s’intende. Perché ci son cose molto più serie di una costituzione repubblicana, di fronte alle quali è tuttora impossibile mantenere l’aplomb. Ad esempio, come si fa a mantenere l’aplomb parlando dei soliti magistrati rompicoglioni? E come si fa a rimanere sereni parlando di calcio, l’unica grande ossessione nazionale? Non si può. E se poi i magistrati tornano ad occuparsi di calcio, no, dico, come si fa a mantenere l’aplomb?

«Di nuovo, non so se Buffon scommettesse. So, però, che in Italia c’è il fascismo.»

Nel frattempo è arrivata l’estate. A sguazzare nella marana pseudoliberale, cercando un po’ di refrigerio, cercando di recuperare la serenità perduta, troviamo tutti i nostri opinionisti Ammaregani, da Christian Rocca a Pigi Battista. Hanno timore degli scherzi e fanno il bagno vestiti.

I cosiddetti liberali

Merita di essere trascritto nella sua interezza un commento dell’economista Michele Boldrin apparso su NoiseFromAmerika. Lo sottoscrivo integralmente. Fatte le dovute distinzioni, esiste una costante nella popolarità di personaggi nefasti come Mussolini Benito, Craxi Bettino e Berlusconi Silvio tra gli autodefinentisi ‘liberali’ nostrani. (Grazie ad Amaryllide per la segnalazione).

L’Italia è strapiena di servi di BS ed ex servi di Craxi che si definiscono “liberali”.

Tanto che oramai io mi vergogno di usare questo termine per definire una mia generale attitudine ideale. Dai Porro ai Martino passando per libertari de noantri, tea parties all’italiana, associazioni “anti-tasse e nient’altro”, ultra-cattolici in crociata, è tutto un autoproclamarsi “liberali” per poi difendere ed appoggiare qualsiasi atto criminale compiuto da BS e la sua banda.

La cosa meriterebbe una riflessione, perché è un fenomeno tutto italiano. Quando provi a dialogare con costoro ti rendi conto che, 8 volte su 10, sono liberali come io sono cinese. In realtà sono semplicemente “anti-comunisti” o, meglio, “antiquellidisinistra”. È una cosa monomaniacale, da minus habens: se l’affermazione X è fatta da uno di “sinistra” allora deve essere sbagliata, se il soggetto in questione (BS in questo caso) è contro la “sinistra” allora ha ragione su tutto e sempre, a priori, e via andando. Il liberismo non c’entra nulla, è pura copertura ideologica nemmeno tanto coerente. In media né l’han capito né l’han studiato.

La cosa più incomprensibile è come, mentalmente, selezionino il gruppo definito di “sinistra”. Non ne son certo ma ho una teoria diciamo così “empirica”, basata sull’osservazione e, purtroppo, la discussione con costoro. La “sinistra” è = exPCI+CGIL, nient’altro. Neanche i gruppuscoli erano di “sinistra” (infatti, decine di costoro son transitati tranquillamente dall’uno all’altro) perché ebbero il merito di “fare il culo” a PCI+CGIL (infatti, a suo tempo gli antenati di costoro ed alcuni fra i più anziani, sotto la guida di Craxi Bettino, ebbero una simpatia tattica per l’autonomia) né lo erano i radicali dei referendum su divorzio ed aborto perché operavano anti-PCI+CGIL. I socialisti, ovviamente, da Craxi in poi sono “anti-sinistra” per definizione, il che permette a personaggi tanto improbabili quanto incoerenti e statal-social-corporativisti come Brunetta, Sacconi e Tremonti di definirsi “liberali” …

La “sinistra”, nella mente di costoro, è PCI+CGIL, ossia la classe operaia delle fabbriche 1920-1980. La radice è una mescola fra l’odio di classe ed il terrore del piccolo borghese per i “rossi” che, nel biennio da essi colorato, venivano a portargli via la “roba” e che, nel decennio 1969-79, portavano gli operai “in centro” a disturbare lo struscio ed i bei negozi. Le radici storiche sono lì. Per questi “liberali” (te lo ammettono se li spingi all’angolo e mi è capitato) Benito era una brava persona (un “liberale”, dopo tutto) che ha dovuto fare quel che ha fatto perché c’erano i rossi da combattere. Come Pinochet il quale, mi spiegò tanti anni fa una variante USA del “liberale” italiano, “ne ha torturati ed uccisi migliaia, è vero … ma dopotutto eran tutti comunisti”. Appunto.

Da questa definizione di “sinistra” segue che chiunque ad essi (exPCI+CGIL) si accompagni, o anche solo qualche volta difenda, tale diventa. È infettivo l’essere di sinistra. Ecco quindi che la Bindi diventa di sinistra e che, nella mente di costoro, quel traditore di Fini è, chiaramente, un amico dei comunisti.

Funzionano così. Non è solo ignoranza (tremenda fra questi liberalidelcazzo, che mi son scocciato delle virgolette), è qualcosa di più profondo. È la paura storica della borghesia italiana per la redistribuzione di ricchezza e potere. Insomma, la ragione per cui il risorgimento italico NON fu nemmeno un tentativo di rivoluzione liberale: troppo rischioso, meglio tenersi il medioevo socio-politico che rischiare che qualche morto di fame ci porti via la roba ed i privilegi medievali … Non a caso il gruppo sociale dove questo tipo di liberaledelcazzo appare con più frequenza (relativa) consiste dell’aristocrazia terriera e della borghesia parassitico-professionale del Sud. Se voi girate per i ministeri romani e v’intrattenete con l’alta dirigenza dei medesimi, una buona parte della quale da lì viene, v’imbattete con grandissima frequenza proprio in questa figura sociale tutta italica: il liberaledelcazzo nostalgico della “parte buona” del regime.

Sono, in realtà, nostalgici di una versione non troppo criminale, non anti-semita e non guerrafondaia (ah, è lì che ci siamo rovinati … se facevamo a meno d’entrare in guerra, ora saremmo liberi di quella teppaglia, cara signora … è hitler che ci ha rovinato!) del fascismo. Oltre che, ovviamente, provinciali di scarsa cultura. Ah, la frequenza relativa di diplomati al liceo classico, fra questi liberalidelcazzo, è particolarmente elevata rispetto alla media della popolazione. Che sia per caso? Non credo. Nient’altro