Archivi tag: marcello de vito

Grillini, non servite più

«Temperature in picchiata», recitano le agenzie, in perfetto giornalese, accanto a «M5S in picchiata nei sondaggi». E come i tre-quattro gradi in meno portati dalla pioggia e dal vento delle scorse ore fanno parte delle fisiologiche bizze della primavera incipiente, così anche i dieci punti persi dal movimento cinque stelle nel suo primo anno di governo in coabitazione con la Lega sono, di fatto, un fenomeno puramente fisiologico. Lo dicono tutti i politologi, anche se la lettura prevalente sembra essere quella del “tradimento del progetto originario”, insomma di quella manciata di banalità demagogiche che solo degli occhiali molto sporchi o una mente molto confusa possono definire “di sinistra”. Eh ma l’acqua pubblica? Ah già, l’acqua pubblica, il no alle grandi opere. Tutta roba di sinistra, come il neocorporativismo che prevede il superamento dei sindacati…ah, no? «Ma come, tu giochi sporco! e allora il piddì???». Si potrebbero citare altri temi, ma a che pro? A che pro rispiegare tutto daccapo a chi non sente, non vuol sentire, non capisce e non ricorda nulla?

È possibile che qualche benintenzionato sia davvero rimasto ferito dai vari voltafaccia apparenti di questi anni. Io credo invece che alla base del calo dei consensi del M5S vi sia proprio l’aderenza al progetto originario. Il movimento è stato concepito da suoi inizi come una sorta di divaricatore del quadro politico, un buffer a tempo in grado di tenere occupati gli elettori mentre la buriana della crisi passava e soprattutto mentre la Destra perenne di questo paese si ristrutturava senza più Belluscone come astro fisso. Oggi questa missione si può dire compiuta; mancano gli ultimi ritocchi, ma le europee son dietro l’angolo. La funzione del M5S si è esaurita o lo sarà molto presto e, quando Salvini e i suoi avranno recuperato i posfascisti di FdI e gli avanzi berlusconiani prontissimi a riposizionarsi anche in Europa, non ci sarà più bisogno di questo strano attrezzo politico cresciuto grazie a fessbook.

Resta ovviamente il grottesco spettacolo dello scarto tra le trascurabili ambizioni individuali della classe dirigente grillina e il declino del movimento. Resta la faccia di un Di Maio apparentemente alle prese con una terribile mossa de panza mentre spiega a Bruno Vespa come il M5S voglia attirare nuovi simpatizzanti radicandosi sul territorio. Il collegamento non è dei migliori, l’immagine di Giggino appare sgranata, fuori fuoco, come sul punto di dissolversi, e mi riesce impossibile non pensare a Casaleggio Jr. che spinge di un’anticchia il cursore “presence” dalla centrale di controllo del suo manchurian candidate. Facciamo le prove, vediamo se funziona. Fuori Giggino, dentro Dibba. Oppure no. Pixeliamolo soltanto un po’, a Luigi, giusto per tenerlo vigile. Al sudato e tremebondo vicepresidente del consiglio vorremmo chiedere qualche chiarimento. Ma come, Giggì? Ce li avete fatti a peperini per dieci anni con la fine della casta dei politici, con la morte dei partiti, col superamento dei meccanismi di rappresentanza tradizionali, sostituiti dalla biattaforma, dal uebbe, da russò, clicca qua e passa la paura, clicca là e sarai padrone del tuo destino, attento a non cliccare qua o ti becchi il virus della democrazia…dieci anni di questa roba e ora te ne esci con la voglia delle sezioni, dei luoghi dove il cittadino «possa portare le proprie istanze». Ci sei arrivato pure tu, complimenti, ma come la spieghiamo ai vostri fan?

Spieghiamola come farebbe Beppe: «sono ragazzi fantastici», imparano in fretta. A fare come gli altri. Ad esempio, ha imparato in fretta Marcellone de Vito, che Giggino ha espulso un’ora dopo il suo arresto riferendosi a lui come a «quel signore». Mi spiace, Giggino, ma «quel signore» è figura di primissimo piano del M5S romano: oltre ad aver racimolato il numero di più alto di preferenze alle scorse amministrative, è stato il vostro candidato sindaco nel 2013, presiedeva il Consiglio Comunale e, fino a un attimo prima dell’arresto, rappresentava la ruota di scorta – ahimè, già bucata – della giunta attuale in caso di dimissioni della Raggi. Sono i rovesci del potere. Più rapida l’ascesa, più rumoroso lo schianto. È un vero peccato, Giggino, ma in questa situazione gli strumenti politici non servono a nulla. Occorre semmai ascoltare i consigli del medico di base: reintegrare i liquidi, assumere fermenti lattici, mangiare leggero. Auguri.



Contrassegnato da tag , ,