Archivi tag: marxismo

E se il DDL Cirinnà non passasse, boicottereste anche Renzi?

Diciamolo chiaramente: a Matteo Renzi va bene dichiararsi a favore delle unioni civili anche perché la battaglia per i diritti degli omosessuali non fa esattamente parte della tradizione del movimento operaio, tradizione che il rottamatore percepisce come un fardello di cui liberarsi. Nella Sinistra classista, grossomodo sino agli anni ’80, le istanze legate alla condizione delle minoranze sessuali o religiose rientravano, nella migliore delle ipotesi, nelle “contraddizioni secondarie” del Capitale, se non nei vizi borghesi che possono solo distrarre dalla contraddizione principale, ossia il conflitto di classe. Questo valeva per i grandi partiti di massa ma anche in gran parte della c.d. nuova sinistra – se è vero, ad esempio, che lo scontro con le femministe fu tra i motivi della crisi di Lotta Continua. Una visione di questo tipo è stata abbandonata dalla maggior parte dei marxisti o sedicenti tali, se escludiamo le bizzarrie rossobrune di Diego Fusaro, ma non per questo le tematiche LGBT si possono considerare un’esclusiva della Sinistra. In paesi meno arretrati del nostro, le destre liberali hanno, in varia misura, fatto proprie le battaglie per i diritti degli omosessuali e del resto gli stessi liberal-forzisti di casa nostra, Berlusconi in testa, sembrano ben disposti su questo tema (o comunque più ben disposti dell’amico Putin…). Chi, come il sottoscritto, non si appassioni granché agli sforzi letterari incentrati sui concetti di biopotere, biopolitica, “nuda vita”, ecc., può anzi riconoscere che l’avanzamento dei diritti civili – che sono cosa distinta da quelli sociali, come il rottamatore finge di non ricordare – è parte della stessa evoluzione del capitalismo e del libero mercato. Nelle liberaldemocrazia avanzate, in particolare quelle anglosassoni, vale infatti il principio contenuto nella Lettera sulla tolleranza di John Locke: «Si lascerà dunque che un pagano faccia affari e commerci con noi, e non che preghi e adori il suo Dio?». Cioè a dire, la religione, l’etnia e oggi, per estensione, l’orientamento sessuale della persona che fa affari con noi non hanno alcuna importanza, fintantoché le regole del commercio vengono rispettate. In questo senso, il cattolico liberale Matteo Renzi ha potuto, come nessun altro leader del centrosinistra prima, portare il tema delle famiglie arcobaleno all’attenzione pubblica ed inserirlo nel suo programma di governo, conquistando anche il consenso di tutti quei gay e quelle lesbiche di cultura liberale – e liberista – incompatibili con le tendenze catto-reazionarie del centrodestra.

In questo frangente, personaggi come Ivan Scalfarotto e Anna Paola Concia tra gli altri si sono fatti carico, tra garbati appelli al Segretario-Premier e scioperi della fame interrotti sulla parola, del malcontento della comunità gay di fronte alla lentezza e ai tentennamenti del caro Matteo, che – in questo inconsapevolmente “marxista” – di fatto non insiste sul tema dei diritti civili con la stessa forza con la quale ha insistito sulla riforma del diritto del lavoro. Sulle unioni civili, Renzi non ricorre – semel in anno! – al voto di fiducia, ma lascia anzi piena libertà di coscienza ai suoi parlamentari, né sceglie lo scontro frontale con i reazionari, come invece non manca di fare con i rappresentanti della “vecchia sinistra” e del sindacato. Ciò nonostante, I renzianer arcobaleno non sembrano scoraggiarsi, e anche quando manifestano un certo nervosismo, trovano altri bersagli polemici contro cui sfogarsi. Dopo il famoso pastaio e i due celebri sarti, è stata la volta dei treni ad alta velocità. NTV, come con tanti altri eventi pubblici, dalle partite di calcio alle mostre alle manifestazioni di vario genere, Gay Pride compreso, propone uno sconto ai partecipanti al Family Day. Apriti, cielo! Il renzianer sensibile alle tematiche LGBT – eccezionalmente unito agli antirenziani di sinistra – dichiara pubblicamente di aver stracciato, tagliato, gettato la sua Italocard, promettendo il boicottaggio totale dell’azienda – che già non naviga in buone acque – rea di aver «sostenuto una manifestazione di omofobi». Una reazione che poco ha a che fare con la dialettica democratica e che rivela appunto una scarsa serenità degli stakeholder in questione. Eppure l’idea di NTV di soffiare a Trenitalia una parte dei passeggeri cattoreazionari, anche solo per un giorno, è commercialmente ammirevole – uno col profilo manageriale di Ivan Scalfarotto dovrebbe riconoscerlo. “È il mercato, bellezza”, no? Mica sarete contro il mercato. E se poi il Cirinnà non passasse? Chi boicottereste?

Contrassegnato da tag , , , , , , , , ,

I reduci più attrezzati

In nome del rifiuto di autocensura, e secondo la parola d’ordine del filosofare come teatro della scrittura, proliferano i gerghi filosofici. Il linguaggio di molti saggi che si leggono fa pensare ad una sorta di iperspecialismo senza fondamenti e senza punti di applicazione. Come se si assistesse al debordare di una quantità inutilizzata di forza produttiva teorica. L’eccezionale, così, si fa ordinaria amministrazione nei ghetti in cui si consuma improduttivamente una ipertrofia filosofica della rivolta. E’ la moda del ruggito filosofico, di cui uno dei maestri incontrastati e ormai «vincenti» è Massimo Cacciari. Chi legge è costretto a ingoiare fin dalle prime battute intere filosofie. I concetti sembrano sempre investiti da un eccesso di contenuto, vibrano di corsivi e di virgolette. L’ordine del discorso è sfigurato da magnetismi e tensioni spasmodiche. Marx, Freud e Nietzsche finiscono per essere i nomi di una stessa aggrovigliata e terribile cosa. Si pensa ad una setta di sublimi eletti abituati a vivere solo sulle più alte vette o nei più profondi abissi. Il medium della lingua d’uso e dell’esperienza comune è bruciato. Il pane quotidiano di questa intellettualità teorica, «autonoma» e ruotante sull’asse del proprio discorso, è fatto di Hoelderlin, Rimbaud, Heidegger, Lacan. Il modello è quello del geniale folle, del guastatore e sabotatore permanente di ogni ordine. Ma guardare in faccia l’abisso è il privilegio dei signori dello spirito. Un’etica del superamento del limite si fa etica di massa. Una generazione di militanti politici di cultura marxista vuole trasformarsi in un esercito di santoni del pensiero eccezionale. Stalinisti dell’oltranza, sacerdoti di un dionisismo filosofico da catena di montaggio, eliminano le contraddizioni e le spaccature a forza di nominarle e di adorarle. Bisogna davvero credersi ultrauomini e leoni filosofici per sopportare l’eterno ritorno della restaurazione capitalistica. Non si tratta certo di «irrazionalismo». Nell’attuale contesto italiano questa sistematica lode della follia e dell’oltrepassamento ha una funzione visibile. E’ l’asse intorno a cui si riaggregano i reduci più dotati e attrezzati di una generazione che non sa riconoscere i termini della propria sconfitta intellettuale e politica. E’ l’ultima figura retorica del «tutto o niente».

(Alfonso Berardinelli – Giovanni La Guardia, Restaurazione e liberazione: sull’invecchiamento della nuova sinistra, in “Quaderni Piacentini”, n.69, 1978)

Quaderni Piacentini 69

Contrassegnato da tag , , , , , , ,

Io, Rifonda e gli altri/3

Ma quanto diamine la stai menando, con questo tuo apprendistato politico? Il giusto, soltanto il giusto. Ultima puntata.

Ero incazzato per la caduta del governo, che aveva portato all’interregno di Richelieu D’Alema e preludeva al ritorno del Caimano, anche se le sue conseguenze sarebbero state chiare soltanto in seguito. L’uscita da Rifonda era in realtà solo il sintomo di un mal di pancia più profondo. Mi ero già accorto di essere lontano su troppe questioni, non soltanto dal partitino, ma da tutta la cosiddetta Sinistra antagonista, della quale Rifonda era poi la sponda di destra. Non capivo perché certi dittatori dovessero piacermi soltanto perché si dichiaravano “socialisti”. Ero in disaccordo totale sul sionismo (l’“anti-israelismo”: l’unico collante che tenga ancora insieme la maggior parte della Sinistra), sugli OGM e sul pensiero scientifico,  sull’Europa e sulla moneta unica, sull’uso della forza in determinate situazioni e su tante questioni economiche, rispetto alle quali rivelavo una scandalosa vicinanza a quei liberali che a parole avrei dovuto disprezzare! Mi accorsi che l’estremismo – al di fuori delle arti – mi respingeva, così come mi respingeva la Totalità hegelo-marxista. La dura verità stava emergendo. Ero un riformista. «Dio buono, che vergogna!». Ma fingevo, negavo soprattutto a me stesso, perché non è sexy essere riformisti a vent’anni. Ai tempi di Genova – quando  il Bertinotti, che si è sempre creduto molto furbo, cercava di “cavalcare i movimenti” – osservavo con curiosità quello che succedeva nella galassia no-global. Era una realtà che mi attraeva e mi respingeva allo stesso tempo, che fondamentalmente non capivo e che un po’ invidiavo. Mi accorsi ad esempio che alcuni giovani cattolici di paese, cresciuti e rimasti topi di sacrestia, ora si erano piazzati più a sinistra di me, in quella cazzo di Rete Lilliput! Non che fosse una novità, nella storia politica d’Italia.

Alcuni episodi lasciarono il segno. Ricordo ad esempio la presentazione di Impero di Toni Negri e Michael Hardt, a Trieste, credo proprio nel 2001. Quando le tirate negriane raggiungevano il climax, mi giravo verso il resto della platea in cerca di qualche sorriso, ma lo studentame adorante non coglieva il ridicolo. Applaudivano anzi sempre più forte, guidati dai capiclaque dei disobba locali. Mi venivano in mente le descrizioni di certi rituali primitivi: mi aspettavo che Negri da un momento all’altro tirasse fuori un coltellaccio e immolasse Pier Aldo Rovatti, seduto di fianco a lui. Finita la messa, mi fermai a cercare qualche voce di dissenso. La trovai in un giovane comunista di non so che gruppetto, il quale, dopo aver dato del revisionista a Negri, mi spiegò con tranquillità che il crollo definitivo del Capitale, dati alla mano, era ormai una questione di mesi. Occorreva pensare all’organizzazione dei soviet nella Bassa Friulana. In quell’occasione compresi due cose importanti. La prima era che avrei sempre preferito i veterocomunisti ai postoperaisti innamorati del suono della loro voce. La seconda era che le infinite faide interne alla Sinistra avevano effettivamente qualcosa di religioso. Era una lotta per l’egemonia dottrinale che continuava da un secolo e mezzo, fatta di chiese, concili, scismi, movimenti ereticali, scomuniche, roghi, santi e martiri. Occorre avere almeno un po’ di fede, in quelle faccende. A me la fede manca del tutto e, agli invasati che si scannano per la giusta dottrina, preferisco chi tenta concretamente di mettere una pezza ai mali del mondo (e non al Male, che nessuna utopia potrà mai eliminare) senza troppi strepiti, con umiltà e intelligenza. La maggior parte dei comunisti pre-Bolognina erano fatti così, a ben vedere. Ma erano comunisti? Io di sicuro non lo sono più.

Sia chiaro: non rinnego niente. Se penso soprattutto a quel circolino di paese, so di aver scelto le migliori persone che potessi frequentare allora. Con alcuni era nata una vera amicizia, al di là della politica e se ora non ci vediamo più è soltanto perché la vita ci ha allontanati. Nel ’98 mi ero già trasferito in città per studiare, come gli amici più stretti. Cominciai a tornare meno spesso al paese, soltanto per vedere i miei. Negli anni ho continuato a frequentare gli stessi ambienti, un po’ per affinità, un po’ per abitudine, un po’ per caso. Ho scoperto lo strano piacere delle eresie marxiste (francofortesi-operaisti-situazionisti-etc.) considerate puramente come generi letterari. Ho votato tutti i partiti della sinistra, comunista e non, inclusi i Radicali ed escluso Tonino Di Pietro, che non è di sinistra. Grazie a Gianpaolo Pansa, mi sono iscritto all’ANPI, che qui a Venezia spesso delega la faccenda delle iscrizioni a…Rifonda (mi hanno già telefonato varie volte perchè vada a ritirare la tessera 2012 al circolo, me ne dimentico sempre).

Ho scoperto che, là dove la Sinistra è maggioranza, i sinistronzi sono legioni, sia tra i puri e gli antagonisti che tra gli opportunisti e gli amici dei palazzinari. La stronzaggine, del resto, è una qualità prepolitica che a volte si colora di qualche tinta. Quanta ideologia, decisamente troppa. Quanta ideologia è davvero necessaria per affrontare razionalmente e in modo laico le questioni più elementari, ad esempio del dove e come far passare una strada o una ferrovia? Sarà che viviamo in uno strano Paese, una Repubblica in cui non è mai esistita una Destra democratica, dove c’è la Sinistra più settaria del mondo, dove il termine “legalità” evoca un’idea di Stato di polizia, mentre “antifascista” – anche grazie agli sciocchi per i quali tutto è fascismo, dalla cravatta al biglietto del tram – viene scambiato per qualcosa di a-democratico e violento dalla maggioranza filistea. La quale maggioranza, peraltro, in fatto di democrazia, avrebbe molto da imparare. Con la crisi, poi, lo scenario si è fatto ancora più confuso, le parole d’ordine sono diverse, o hanno cambiato senso, e il vecchio Marx – un grande classico della modernità, da leggere e rileggere – non sta più sulle insegne della rivolta. La verità è che ho provato ad essere comunista fuori tempo massimo, quando il comunismo era ormai una pantomima, e la radicalità stava prendendo altre forme, come oggi appare evidente a tutti. Pare proprio che i vent’anni passati dalla fine del socialismo reale siano stati soltanto una parentesi di spappolamento e marcescenza delle idee radicali: postmodernisti e tradizionalisti, cyberfanatici e luddisti, islamisti e leghisti, complottisti, signoraggisti, sciroccati ingenui e miserabili che spillano loro quattrini, giovani borghesi indignati, nazi e fasci 2.0, comunisti che riscoprono la patria e fanno l’occhiolino ai rossobruni. Tutta roba da cui mi tengo ben distante.

Resta il problema dell’etichetta da portare. Sembra che non se ne possa fare a meno. «Riformista…» no, «Migliorista…» nemmeno, «Socialdemocratico» per carità. Il mio amico comunista scuote la testa. Quelle etichette non gli piacciono. Improvviso e azzardo un «Azionista», nel senso del Partito D’Azione, di Giustizia e Libertà, di Rosselli, Rossi, Salvemini, Ginzburg, Lussu, Foa, Spinelli, Galante Garrone, Fenoglio, etc. «Ecco, ti pareva, snob fino all’ultimo!», direte. Boh. A me sembra più snob citare Agamben, la biopolitica e i rizomi, ed ho il sospetto che il vero discrimine stia nell’attitudine all’autoironia, qualità estremamente rara (e preziosa), in politica:

Nel febbraio del 1974 il “Giorno” pubblicava un’intervista fattami da Corrado Stajano. Il titolo, credo non scelto da lui, era: Il mite giacobino non s’arrende. Quella qualifica mi mise di buon umore, e subito scrissi e mandai a Stajano, dedicandoglielo, questo scherzoso


Autosfottò del “mite giabobino”

Gli antifascisti levano le tende
ma il mite giacobino non si arrende.
La birba vince e il giusto se la prende,
ma il mito giacobino non si arrende.
Cadono Luther King, Kennedy, Allende,
ma il mite giacobino non si arrende.
La fiaccola del Mis losca si accende,
ma il mite giacobino non si arrende.
La classe dirigente compra e vende,
ma il mite giacobino non si arrende.
Dilaga il mal da Napoli a Torino,
ma non si arrende il mite giacobino.

(Alessandro Galante Garrone, Paolo Borgna – Il mite giacobino, Roma, Donzelli 1994)

Avercene, di miti giacobini così.

(Fine)

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , ,

Io, Rifonda e gli altri/2

Lo sappiamo, la politica a vent’anni è anche un rifugio dalle magagne che l’ingresso nell’età adulta comporta. E tuttavia a quella roba io ci ho creduto per davvero. Riconoscevo le ingiustizie, mi identificavo, pensavo ai rimedi, cercavo un senso, una direzione, un’identità forti. E una famiglia aggiuntiva, in un certo senso.


Se devo scegliere un solo ricordo prezioso di quel mio noviziato politico, penso ad un episodio apparentemente banale. Era morto T., lo storico sindaco socialista del paese, una persona in gamba e perbene. Avevamo inviato un telegramma di condoglianze alla famiglia, e la figlia ci aveva risposto con una bella lettera. “Ai compagni del circolo di Rifondazione”, diceva. Mentre R. la leggeva, sentivo – e percepivo negli altri – una sorta di lieve commozione, un sentimento che non avrei mai più provato, né il 25 Aprile, né il Primo Maggio, né in altre occasioni di quel tipo. Quando sento parlare di ‘Unità della Sinistra’ mi torna sempre alla mente quell’episodio. Proprio in quel periodo, per la prima volta nella storia dell’Italia Repubblicana, la classe dirigente dell’ex PCI era al governo del Paese. Non da sola, certo, e al prezzo di molti compromessi, come si fa in democrazia. Dal punto di vista del mio partito di allora, il primo governo Prodi era un esecutivo sostanzialmente liberista cui tuttavia si poteva dare l’appoggio esterno. Era pur sempre l’unica alternativa a Berlusconi, i cui otto mesi di governo erano sembrati una tremenda allucinazione collettiva. Per un paio d’anni, pur tra mille tentennamenti, il gioco funzionò, finché non arrivò il “grosso scherzo” di Bertinotti, ricordato da Nanni Moretti nei giorni scorsi. Al momento della fiducia sulla finanziaria dell’autunno ’98, Rifondazione votò contro e fece cadere il governo. Il bello è che oggi quella finanziaria, se paragonata alle (salutari) legnate di Monti, pare scritta da Keynes in persona. Certo, occorre storicizzare, contestualizzare. Come no. Il Fausto difende tuttora con una certa arroganza una scelta che, già allora, mi pareva assolutamente incomprensibile. Ricordavo la visione di Maroni e Ferrara ministri, o meglio la sola idea di Maroni e Ferrara ministri, e rabbrividivo. Non avevo dubbi, Rifonda aveva fatto un’enorme cazzata. Se non altro, imparai qualcosa sul narcisismo, sulla politica politicista, sui tic dei rivoluzionari da salotto, dei parolai radical chic che, dopo aver arringato le loro folle, si ritrovano a bere prosecchi nei palazzi della nobiltà romana. Decisi di uscire dal partito, terminando dopo neppure un anno la mia esperienza di militante-tesserato (ah, non stracciai la tessera, che conservo ancora da qualche parte). Dichiarai la mia intenzione ad una delle solite riunioni settimanali. Alla preoccupazione per le reazioni degli altri – che in parte già sapevano – si univa un certo compiacimento per quel mio piccolo gesto da dissidente. Non avevo capito un cazzo.

Con mia grande sorpresa, la mia scelta aveva infatti dato il via ad una sorta di effetto domino. Quella sera tutti i compagni del direttivo espressero la volontà di lasciare il partito. Beninteso, con motivazioni opposte alla mia: non giudicavano più tollerabile l’ambiguità di Bertinotti rispetto alle scelte liberiste del Centrosinistra. “Siamo anticapitalisti o no, cazzo?!”. Potevano pensarci prima, direte voi, come poteva pensarci prima Bertinotti. Transeat. Ciò che conta è che la defezione di gruppo ebbe una conseguenza grottesca, o drammatica, a seconda dei punti di vista. Venendo a mancare il nucleo che teneva in piedi il circolo, quest’ultimo, semplicemente, cessava di esistere. L’unico ventenne, il sottoscritto, mollava, i trentenni pure (anche se non ricordo più cosa fece E.), gli anziani era già tanto se rinnovavano l’iscrizione. E i comunisti di mezz’età dov’erano? Non c’erano. Erano tutti diessini. Toccava comunicare la notizia alla Federazione Provinciale. Non la presero benissimo. Qualche giorno dopo, inviarono un apparatčik per tentare di convincerci a fare marcia indietro. Pazienza per noi quattro cazzoni, ma era pur sempre il circolo di un importante centro operaio che veniva a mancare. Lo sapevamo, Rifonda in fabbrica di fatto non esisteva, ma sbandierarlo così, in quel modo, in quel momento! Giacca, cravatta, soprabito scuro e ventiquattrore, l’apparatčik si presentò alla riunione successiva, e non fu granché persuasivo. Non ricordo alla lettera cosa ci disse ma, pescando nelle formule di rito, è facile ricostruire il suo meccanico pistolotto: “Vi invito a riflettere, questo è proprio il momento di dimostrare compattezza, superando le logiche di corrente, sostenendo la coraggiosa scelta della direzione nazionale, che ha voluto alzare la posta, al di là di ogni opportunismo“, eccetera. L’opportunismo era ovviamente quello di Cossutta e Diliberto, gli scissionisti. Niente da fare, avevamo deciso. Al di là delle motivazioni strettamente politiche, i più vecchi avvertivano quella stanchezza che ti prende dopo aver tanto predicato nel deserto, assieme al desiderio e alla necessità di dedicarsi ai sacrosanti cazzi propri. L’inviato della Federazione prese atto e se ne andò. Fine. Dopo mezzo secolo, i comunisti non avevano più una sezione in paese. In realtà nessuno di noi smise subito di fare politica, c’erano pur sempre l’associazione e il giornaletto. Ma senza il partito veniva a mancare un binario fondamentale. Per quanto mi riguardava, assecondai sempre più il mio individualismo – quello che alla lunga, se non te ne vai di tuo, ti porta ad essere cacciato dalle parrocchie – e cominciai a riflettere sul come la pensassi veramente, al di là di pose e infingimenti vari. Cominciai sul serio a leggere i testi sacri (canonici ed apocrifi) della Sinistra, e in quel periodo nacque la mia discutibile predilezione per il saggio rispetto al romanzo. (continua)

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , ,