Archivi tag: stefano fassina

L’alternativa di sinistra che non c’è

cosmo-800x540.jpg

In questi giorni di pasticci legislativi e di manifesta difficoltà del segretario-premier, ho ripensato spesso a quanto prevedibile sia la politica e a quanto la situazione di empasse del ddl Cirinnà fosse praticamente già stata scritta nel giorno di febbraio di due anni fa in cui Matteo Renzi fece le scarpe a Enrico Letta. O, più esattamente, in quel giorno di aprile in cui la coalizione Italia Bene Comune “non vinse” le elezioni politiche e l’Italia si prese quella sorta di meningite che è il movimento cinque stelle. In quel momento si è decisa la deplorevole condizione di sudditanza del centrosinistra da uno scarto del centrodestra. Com’è dura dipendere dall’1% di Angelino Alfano. Ma se allora avete schifato il PD – il PD di Bersani, non quello di Renzi – dando magari credito a Grillo, avete perso il diritto di lamentarvi del compromesso al ribasso sulle unioni civili. La colpa è solo vostra e meritereste un ceffone a mano ben distesa. Rimane aperta la questione del destino del governo, impegnato a mantenere un faticoso equilibrio che, se con un po’ di fortuna può portare il rottamatore a fine legislatura, non è proprio ciò di cui avremmo bisogno. Anche a prescindere dal disastro della legge (ex?) Cirinnà, che frutterà probabilmente all’Italia un’altra condanna della CEDU, sono in generale le tendenze moderate di questo governo, e il differente approccio tra diritti sociali (leggi: Jobs Act) e diritti civili a causare l’incazzatura di molti, compreso il sottoscritto. Ciò premesso, a chi mi chiedesse, in questo preciso momento, di scegliere se far cadere Renzi anzitempo o tenermelo mugugnando, non saprei cosa rispondere. Siamo onesti: come si fa a intravedere una qualunque realistica alternativa di governo in un Civati inacidito e innarcisito? Possibile rifiuta per statuto qualunque alleanza, anche a livello locale, col Partito Democratico e ci si domanda quindi con chi intenderebbe governare Civati, riuscisse anche a convincere qualcuno dei leggendari “grillini di sinistra” per arrivare a un generoso 5%. Non vedo alternative nemmeno nei riti officiati da Fabio Mussi sul palco del – sempre bellissimo – Palazzo dei Congressi all’EUR. Sinistra Italiana riproduce grossomodo il vecchio correntone DS e punta ad erodere il PD a Sinistra per tornare ad uno scenario ulivista, lasciando il centro democratico ai renziani. Perché ciò divenga possibile, occorre però vincere il referendum sulla riforma del Senato, che è anche un referendum su Renzi, o così viene venduto. Un tentativo di cui non condivido nulla, ma che trovo legittimo, sia chiaro. Mi chiedo soltanto se per difendere la propria nicchia ed eliminare l’odiato Renzi, questo pezzo di ceto politico debba per forza intrattenere rapporti – o non stabilire una distanza – con i vari propagandisti grillini, noeuro, sovranisti e coi reazionari di ogni risma. A vedere rossobruni ovunque, si passa per paranoici, lo so. Escludendo la mutazione profonda, rimane allora l’ipotesi del tatticismo. Oggi non si conquistano le masse con le parole chiave “pace e lavoro”, occorrono i latrati contro Bruxelles. O contro il Club Bilderberg. Tatticismi squallidi che ti sporcano per sempre, tanto quanto gli accordi con Verdini e i suoi. Anzi, peggio. E che non fanno di te un’alternativa credibile.

Contrassegnato da tag , , , , , , ,

Tranquilli, nel PD stiamo lavorando per voi (?)

Se a un malato di politica come il sottoscritto ormai appassionano ben poco le disquisizioni sulle differenze ideologiche all’interno del Partito Democratico (socialdemocratici fuori tempo massimo contro liberisti immaginari, ecc.), mi domando quanto possano appassionare l’elettore non identitario, il disgraziato medio alle prese con bollette e bollettini da pagare. Eppure qualche domanda bisognerà pur farsela, in vista del congresso. L’impressione, volendo sviscerare un po’ lo schemino renziani vs antirenziani, è davvero quella di uno scontro tra conservatori e innovatori. Certo, gli innovatori possono non piacere, ma i conservatori sono quelli che hanno portato al disastro del partito, e tuttora vorrebbero dare lezioni di buona politica. Personalmente trovo fuorviante (e offensiva) questa millimetrica misurazione del posizionamento, reale o presunto, dei protagonisti del PD. Davvero mi si vuol convincere che la Bindi o Fioroni starebbero “più a sinistra” di Renzi? O è solo fumisteria ad uso di una base lasciata allo sbando? A me pare abbastanza ovvio. La parte conservatrice del partito crede che sia più comodo lasciare intatti certi equilibri, certe rendite di posizione, certi interessi corporativi, legati o meno alla propria corrente. Si spera in questo modo di conservare il consenso del proprio elettorato (che non è più operaio da quel dì, e grossomodo coincide con l’area del pubblico impiego) senza nemmeno tentare di conquistarne altri. E se anche ci si accorge dell’esistenza dei c.d. non garantiti, di chi non è rappresentato da nessuno, tantomeno dal sindacato, la risposta è la stessa: agire sulle politiche di spesa, magari tornando ad indebitarsi un po’ – garantiti dall’illusione di aver svolto bene i “compiti a casa” e comunque forti del clima eurofobo di questi anni – e drogare la situazione con piccoli interventi non strutturali. Tirare a campare, insomma. E’ una forma di governo debole, una sostanziale rinuncia a governare davvero – e quindi a riformare il Paese – contando piuttosto sugli automatismi del rapporto tra integrazione europea e corporativismo nazionale: gli interessi particolari, ben rappresentati nel Paese, tirano la corda da una parte, Bruxelles la tira dall’altra, e i neodorotei gestiscono il tutto, senza rischiare troppo. Questa è la linea delle larghe intese, cioè del pentapartito 2.0 rappresentato dall’ineffabile Letta, e corrisponde in fondo alla linea “socialdemocratica” di gran parte dell’opposizione interna a Renzi. Davvero paradossale che l’ascesa del sindaco di Firenze venga paragonata a quella – presto rivelatasi nefasta – di Bettino Craxi. Craxi non fu un innovatore, ma un genio della compravendita elettorale attraverso l’indebitamento, più che attraverso la corruzione. E fu abbastanza intelligente da cooptare anche parte della sinistra del PSI una volta raggiunto il potere. Ecco perché la visione del craxiano Brunetta sorridente assieme al “turco” Fassina non stupisce, se il nome Claudio Signorile vi dice qualcosa. In tutto ciò, quasi dimenticavo Pippo Civati (#CivatsRegal) e Fabrizio Barca, il primo impegnato da mesi a corteggiare il Movimento 5 Stelle, il secondo a proporre le sue capacità di tecnocrate per riorganizzare il partito. La demagogia gentile di Civati mi infastidisce molto, i tecnicismi di Barca mi affaticano un po’. Certo mi rendo conto che i renziani non vogliono o non possono impegnarsi a fondo nel rinnovamento del partito, e qualcuno dovrà pur farlo assieme a loro. Per il momento la confusione è grande sotto il cielo, e la situazione è tutt’altro che eccellente.

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , ,