A un certo punto

La novità, già comunicata ai miei amici su twitter, è che mi sono iscritto al PD. L’ho fatto perché le polemiche sterili, la voglia di criticare senza partecipare e direi anche certi miei recenti eccessi di cinismo mi hanno davvero rotto. Mi sono iscritto, in un’ottica specificamente politica, perché voglio partecipare, nel mio piccolissimo, alla ricostruzione del partito,  lottando per quanto possibile contro l’antico riflesso settario di una Sinistra divisa ed eternamente all’opposizione, in nome di chissà quali purezze e sciocchezze identitarie. Col mio solito tempismo, ho scelto il momento peggiore, da un certo punto di vista. I circoli sono in rivolta contro le larghe intese, un’opzione che personalmente ritengo obbligata dall’aritmetica, ma che davvero diventa ogni giorno più pesante da digerire, sempre più simile ad una sorta di Pentapartito 2.0. Restando ai fatti di queste ultime ore, è sempre più difficile, anche facendo ricorso a tutto il proprio spirito liberale, sopportare un B. che si paragona ad Enzo Tortora, è terribile constatare come vent’anni di riflessione sulla Giustizia in questo Paese siano stati legati in un modo o nell’altro alle vicende del caimano, e infine è tristissimo vedere tanti garantisti prenderne polemicamente – e machiavellicamente – le parti, ignorando il fatto che il Principe ha fatto da tempo strame di qualsiasi principio, se mai gliene fosse importato qualcosa.

In tutto ciò, davvero non si riesce a capire a chi si rivolga la coppia CostaCerasa, riportando il resoconto di Alfredo Bazoli, deputato PD (si sottolinea “renziano”) sulla manifestazione del Pdl, nella quale alcuni teppisti, vigliacchi e decerebrati, hanno aggredito un elettore del Pdl. Bazoli perse la madre nella strage di Piazza della Loggia, è quindi assolutamente titolato a parlare degli effetti nefasti della violenza politica, anche di quella verbale. Il suo intervento è equilibrato e condivisibile, privo di qualunque intento polemico. Del tutto strumentale, invece, citarlo come una sorta di monito al PD – che con questo Centrodestra, tocca sempre ricordarlo, sta governando. Di fronte all’enormità di due ministri che – in buona sostanza – scendono in piazza contro un potere dello Stato, il PD si è limitato, doverosamente e responsabilmente, ad un sit-in davanti al tribunale. Non sono andati a contestare Berlusconi, come chi ci è andato (centri sociali, Rifondazione e i suoi sottoprodotti scissionisti, SeL , parecchi cani sciolti) non ha mancato di sottolineare. Ma se il PD non è responsabile delle contestazioni violente, se la violenza è stata condannata, che cosa si vuole di più? Cosa si chiede ancora, in nome della “pacificazione”? Delle congratulazioni, un plauso? Un plauso a chi ha dato dell'”estremista comunista” al giudice Alessandra Galli, il cui padre fu assassinato da Prima Linea?

Davvero, basta con le cazzate. La Sinistra è piena di problemi assai gravi, ma forse è giunta l’ora che quel po’ di Destra perbene si dia una mossa e si prenda le proprie responsabilità. Chissà se qualche giovane notista politico troverà la voglia e il tempo di scriverlo.

Fuori schema

(ANSA) – BRINDISI, 9 GIU -‘Ho fatto un gesto dimostrativo perche’ ho subito due truffe e il fatturato della mia azienda negli ultimi anni e’ diminuito’.

Io qui l’avevo detto – non che ci volesse un genio, bastava un colpettino di rasoio ockamiano. Più d’uno ha fatto notare le affinità antropologiche del reo confesso con Zio Michele™, il che potrebbe riservarci qualche altra sorpresa, in forma di ritrattazione, crisi di nervi, sceneggiata o piagnisteo. Niente mafia, però, né servizi deviati o poteri occulti, spiacente. Mi pare sia il momento di mostrare solidarietà al magistrato Ingroia – capita di sbagliare – e soprattutto al giornalista Ruotolo – il linciaggio dell’innocente non è avvenuto, altrimenti la nostra solidarietà sarebbe stata ancora più grande…

Ed ora possiamo finalmente passare ad altre distrazioni: mentre la caciara antieuropeista monta ogni giorno di più, le pecore stanno al bar a vedersi le partite, illudendosi che la vera tragedia consista nell’uscire dall’Euro2012, più che nell’uscire dall’Euro. Beh, che vi devo dire: forza Spagna!

Problemi di connessione col mondo

Rieccomi, con ancora addosso un po’ della strizza per il terremoto, e con un pensiero rivolto a chi ieri notte lavorava e ci ha lasciato le penne. In Italia lo puoi sentire bene, il peso di duemila anni di storia che rischiano di crollarti addosso, ma per morire bastano un paio di putrelle arrugginite. Problemi di adsl domestica – non ancora risolti – mi hanno impedito di commentare i fatti degli ultimi giorni e, sebbene il presente blogghetto tutto sia fuorché un organo di informazione, è già scemata la voglia di scrivere qualcosa sulle bestiacce armate di Tokarev e sui ragazzini decerebrati che rivendicano il bel gesto. Niente di nuovo sul fronte del dannunzianesimo di sinistra. Quanto successo a Brindisi è invece un fatto relativamente nuovo per gli Italiani. Abituata ad un Paese diviso dal 1945, a un secolo di violenza politica organizzata e di massa, a contropoteri immaginari ed antistati reali, a trame più o meno oscure, a metà Paese amministrato dalle mafie, l’opinione pubblica italiana sa leggere la realtà soltanto attraverso il movimento di soggetti collettivi, bande, gruppi, clan, cupole, partiti armati. Del resto, quarant’anni di attentati senza colpevole hanno senza dubbio alimentato, non solo nei più engagé, quella tendenza alla dietrologia gratuita associata sempre all’indignazione collettiva. L’italiano medio crede che ci sia “qualcosa sotto”. E a volte qualcosa c’è sul serio, ma la soglia di attenzione dell’italiano medio è molto bassa, e poi c’è la Champions e l’italiano medio fa presto a distrarsi, ad annoiarsi e a dimenticare. Fino alla prossima bomba. La coincidenza con l’anniversario dell’attentato a Falcone, il fatto che la scuola fosse dedicata proprio a lui hanno fatto sì che si pensasse all’attentato di mafia, come nel ’93. L’ipotesi del messaggio. Ma in questo caso, che diamine avrebbero voluto dire, colpendo a casa loro una scuola per modiste, i mafiosazzi della Sacra Corona Unita? Ed è colpa della crisi se sono stati costretti a ricorrere alle bombole di gpl anziché all’esplosivo? Ecco, sono già caduto nella tentazione del commentatore medio, dell’investigatore da bar sport. Un popolo di santi, allenatori di calcio e di detective. E di scrittori di noir. Eh beh, se non è la mafia, ci dev’essere comunque “qualcosa sotto”. Ancora nessun colpevole, solo un crimine orrendo, ma non importa, la reazione è rapidissima e gli automatismi retorici sono già in moto: “Diciamo ancora una volta no alla mafia“, “colpiscono la scuola, il luogo in cui si forma la coscienza civile“, e poi, appunto, la dietrologia: “ancora una volta la strategia della tensione“. O, per contro, le reazioni di chi per la strategia della tensione nutre qualche inconfessabile nostalgia, dominus di quel teatrino sado-maso in cui entrambi i partner provano un mezzo orgasmo al suono della parola repressione. O del borghese piccolo piccolo di turno che twitta “ecco perché sono favorevole alla pena di morte“. Infine, attorno al cadavere le iene dei media che ora non devono nemmeno più chiedere la fotografia alla mamma della vittima, se la vanno a cercare su facebook. Io non so chi sia l’animale che ha piazzato la bomba di Brindisi, ma è possibile che in questo caso l’indignazione della cosiddetta società civile stia girando a vuoto, privata del suo schema. E se ci trovassimo invece di fronte ad una violenza con caratteristiche, per così dire, “americane”? Forse allora dovremmo abituarci agli impazzimenti individuali, alle esplosioni di violenza solitaria, ai raptus – anche lucidissimi, e magari sostenuti da approfonditi deliri intellettuali à la Breivik. Ma i riferimenti ideologici non sono affatto necessari. C’è un episodio chiave nella storia americana degli school shooting. Nel 1927 a Bath, in Michigan, un uomo con gravi problemi di debiti si fece saltare in aria nella scuola elementare per cui lavorava, uccidendo 58 persone, perlopiù bambini. Fu questa la sua forma di protesta contro una tassa, decisa dall’amministrazione locale per finanziare la costruzione di un nuovo edificio scolastico. Un pazzo furioso, certo, e un altro mondo, una storia e una cultura politica molto diverse, certo. Ma per una volta, oltre a tentare di capire se ci sia “qualcosa sotto”, e qualcosa d’altro, proviamo a guardare un po’ dentro a questa società smandrappata, i cui vari pezzi sembrano sempre più disconnessi.

Impressioni d’ottobre

Su gentile richiesta di mm1 e Shylock, curiosi della mia opinione sui fatti di sabato scorso, copincollo un mio commento da DIS.AMB.IGUANDO. Ad integrazione del dibattito sul blog di Giovanna Cosenza, segnalo anche un post di Marco Rovelli su Nazione Indiana.

Una volta tanto sono d’accordo con le osservazioni di Wu-Ming: scendere in piazza non serve più, il giocattolo si è rotto.
Purtroppo la facilità con la quale la Rete rende possibili le mobilitazioni ha dato in mano a gente inetta la responsabilità di muovere e gestire le folle. Su questo qualcuno dovrebbe fare un esamino di coscienza, magari scegliendo di dedicarsi alla pubblicità o alla grafica anziché giocare coi movimenti sociali. Detto questo, i fatti di sabato non si spiegano unicamente come un problema di modalità organizzativa e/o comunicativa (di “format”, è stato detto). I “disperati” hoodies con le loro felpine nere sono una piaga che in altri tempi, come altri hanno già scritto, veniva sistemata senza tanti complimenti dai servizi d’ordine. Ma la domanda principale è: CHI dovrebbe dotarsi di queste strutture? Cioè, in altri termini: chi sono gli indignati? Qualcuno chiederebbe: qual è la loro “composizione di classe”? L’impressione, senza che nessuno si debba offendere, è un po’ da armata brancaleone.
In piazza c’erano precari di tutti i tipi, i rappresentanti di tante piccole battaglie locali (no TAV, no Dal Molin, acqua pubblica etc.) più o meno condivisibili, c’erano i Cobas, come sempre, pezzi di ciò che resta della sinistra c.d. antagonista, a livello di partiti ma soprattutto di collettivi e gruppetti, e pure qualcuno del volontariato cattolico. A me sembra risibile il tentativo di riunire istanze tanto diverse sotto l’etichetta ambigua dei “beni comuni” (o del “comune”, per i più raffinati) e difatti appena sotto la superficie ciò che emerge è un’accozzaglia di idee molto confuse sulla crisi in generale. Non ho visto l’ombra di un’analisi degna di essere definita tale, soltanto slogan un po’ vuoti, che lasciano un senso di sconforto: mi auguro che i due tizi intervistati dalla Berlinguer l’altra sera, che (certo, l’emozione del momento…) sono soltanto riusciti a farfugliare un “la finanza è scollata dalla ggente” non fossero i più svegli portavoce del coordinamento. Ovvio che poi questo vuoto di pensiero venga riempito dalle fesserie cospirazioniste, le sciocchezze sul signoraggio e tutti sintomi del cretinismo contemporaneo.
Quello che è successo sabato si spiega con una grave crisi di rappresentanza, tipica delle fasi di transizione sociale. E infatti è questo l’unico tratto comune a tutti i soggetti che manifestavano: l’essere non-rappresentati. Un’identità negativa che si traduce nel collante della generica incazzatura. Ora, può darsi che si tratti di una mia personale paranoia, ma attenzione, perché un movimento di piazza che non abbia una piattaforma razionale, legata a interessi individuati, rischia di diventare terreno fertile per le derive autoritarie di varia specie, di quelle che danno alla folla un capro espiatorio da linciare, avete presente? O credete di essere tutti quanti immunizzati dal fascismo?
Io purtroppo non credo più al discorso sull’autorganizzazione, è evidente che i soggetti che ho menzionato sopra questa capacità non ce l’hanno, per cui mi posso solo augurare che a livello di sinistra tecnocratica qualcuno apra gli occhi e una volta archiviato il nano faccia un serio esame di coscienza. Purtroppo sono pessimista.

Due parole sugli scontri di piazza

Due parole per modo di dire. E’ uno dei miei post più lunghi, siete avvertiti.

Quando ancora mi sentivo parte di un ‘movimento’, cercavo comunque di evitare gli scontri. Mi chiedevo sempre: vale la pena di rischiare le mazzate? O di rischiare di doverle dare a qualche sconosciuto, che forse è pure peggio? Col senno di poi, non furono gli improrogabili impegni dei quali non ricordo nulla, o la pigrizia, a non farmi andare a Genova nel 2001. Ma forse un certo presentimento e, in parte, la fifa (Santa Fifa, ne ha salvati più lei della penicillina).
Con quelli che invece continuano a sentirsi parte di un movimento, ogni tanto si riprende la vecchia discussione sulla violenza. A me la violenza non piace, non ci posso fare niente. E la «violenza del Capitale sui lavoratori»? Certo, non mi piace nemmeno quella. Le società umane, a qualsiasi latitudine e in qualsiasi epoca, sono sempre fondate sulla violenza. E, in determinati momenti, individuali e collettivi, la pratica della violenza è inevitabile. Succede ad esempio quando è in gioco la libertà di un popolo. Succede poche volte nel corso di un secolo. Rimanendo alla storia dello Stivale, l’ultimo caso che mi viene in mente è quello della Resistenza. Qui a Venezia, a cinquanta metri da casa mia, nel ’44, i nazisti impiccarono sette partigiani. Sette fiammelle me lo ricordano ogni giorno: sono come i metri-campione del mio personale senso della misura*.
Ma qui si parla di mazzate che si potevano non dare, o non ricevere, chiaro?
Gli argomenti morali sembrano fuori uso. Terrò quindi i miei per me, optando per una metafora scientifica:
ciascun atto di violenza è come un picco sulla curva dell’Entropia. E’ come produrre una tonnellata di monnezza in un colpo solo. E’ segno di intelligenza, per  noi bipedi, cercare di non contribuire più del necessario alle conseguenze ineluttabili del Secondo Principio della Termodinamica. Per questo ho sempre mal tollerato anche la violenza sulle cose, per quanto “motivata politicamente”. Una vetrina sfondata, una macchina bruciata (tolto l’utilizzo strettamente militare di un oggetto in fiamme messo tra te e il tuo nemico) non sono mai un gesto di cui andar fieri. Tra l’altro, chi lo compie dimostra di non aver letto Marx: la distruzione della merce fa pienamente parte del meccanismo capitalistico. Coglioni, quindi, i vandali, perché lavorano per il Capitale senza saperlo, lo fanno senza nemmeno un salario (coglioni al quadrato) e rischiano pure la galera (coglioni al cubo).
E ‘coglione’ potrebbe essere stato l’epiteto con cui Gianni Rinaldini, ex segretario Fiom, ha apostrofato un ragazzotto intento a sfondare il vetro di un furgone. A manifestare contro la macelleria sociale del declinante berlusconismo, oltre ai precari della cultura e agli universitari c’era pure la FIOM. Viene il dubbio che se  tutto fosse stato organizzato dal sindacato, forse non sarebbe scoppiato il finimondo. Magari se le sarebbero date, tristemente, tra metalmeccanici e studenti, come ai tempi belli (ma li saprebbero riconoscere, gli studenti di oggi, i metalmeccanici? Ci hanno mai parlato con un operaio? Ne hanno mai visto uno?) No, se le sono date tra manifestanti e poliziotti. A parte un finanziere pescato con la beretta in pugno e le manganellate date, come d’uso, principalmente sulle zucche degli inermi, lo spettro di Genova è rimasto fortunatamente lontano. Tra i manifestanti, d’altro canto, qualcuno non si è risparmiato. Cinquanta, cento persone? Non ha importanza. Quasi sicuramente non sono i 23 fermati (e fortunatamente rilasciati: da una notte in questura si può uscire più malconci che da una carica della Celere, come ha sperimentato il povero Stefano Cucchi). Qualcuno, però, a dar fuoco alle macchine c’era. Tutti infiltrati della polizia? Seriamente?
Non che i cosiddetti ‘agenti provocatori’ non esistano, intendiamoci. Esistevano negli anni ’70, esistono oggi.
In uno Stato di Diritto, per ingabbiare qualcuno cui già si siano messi gli occhi addosso lo si può coinvolgere in uno scontro violento. E un passato di trame oscure e di omicidi come quello di Giorgiana Masi sta all’origine della paranoia di una certa Sinistra barricadera, che raggiunge talvolta esiti grotteschi. Ricordo quell’amico per cui siccome un certo compagno, ai vertici del tal collettivo, girava in Lacoste, doveva essere «una spia della Questura».
Che poi, paradossalmente, i dietrologi più forti, che ancora oggi credono le BR una creazione dei Servizi, sono gli stessi per cui la violenza di piazza, in quanto espressione dello scontro di classe, è quasi sempre giustificata, comprensibile, e comunque commisurata alla violenza del Potere. Per parte mia non ho una grande stima per qualcuno – di sinistra o meno – a cui manchi il senso della responsabilità individuale, senza la quale nessun Uomo Nuovo mi sembrerebbe migliore di quello vecchio.
Ripeto, esistono gli infiltrati e i provocatori al soldo del Potere. Il punto è che in genere le bassezze da questurino sono assolutamente inutili, perché la violenza si scatena comunque. Chiunque affermi che gli scontri di piazza siano sempre provocati dalla polizia e dagli infiltrati, dimostra di non aver mai partecipato ad una manifestazione, o di non avere occhi per vedere.
Comunque sia andata, anche questa volta il risultato (voluto, non voluto, preordinato, casuale: non ha importanza) che il Potere costituito si aspettava è stato pienamente raggiunto. Un Berlusconi in declino che compra parlamentari per raggiungere almeno la prescrizione degli ultimi suoi processi, una crisi economica che stanno pagando soltanto i lavoratori, e che tra essi colpisce particolarmente i precari, non soltanto del terziario culturale, la demolizione dell’università, come del servizio pubblico in generale, operata allo scopo principale di fare cassa per tappare i buchi di una gestione dissennata e corrotta, e cosi via. Tutto questo, almeno per qualche giorno, fino al prossimo “extracomunitario ubriaco alla guida di una mercedes”, fino alla prossima quindicenne uccisa da un maniaco sessuale, passa in secondo piano, sostituito dalla generale riprovazione per gli episodi di violenza.
Vecchia storia: la violenza fa paura, e la paura richiama all’ordine (in tedesco, non a caso, ‘Potere’ e ‘ Violenza’ si possono tradurre con un unico vocabolo: Gewalt).  Lo Stato-padre ci garantisce protezione. Continuiamo sì ad essere sfruttati dal padrone, a fare i conti dei cinque centesimi di differenza tra una marca e l’altra di yoghurt e ad essere parecchio incazzati con chi ci governa. Ma la violenza fisica, quella per cui si perde la salute e la vita, ci sembra anche peggio. Ci terrorizza l’eventualità che quel contratto sociale che nessuno di noi ha mai visto diventi carta straccia, che la gente faccia valere il proprio diritto con i calci nelle palle. Su questa paura lo Stato fonda il suo monopolio della violenza. Ed è solo quando lo Stato appare più padrone che padre, e i calci nelle palle arrivano proprio da lassù, che le grandi mobilitazioni riescono a rovesciare i despoti. Ma l’abbattimento del Potere e la sua sostituzione rivoluzionaria non hanno mai messo in discussione il monopolio statale della violenza, e finora l’abbattimento dello Stato in senso stretto rimane solo nei libri.
A proposito di libri, nelle bibliotechine deglii adolescenti arrabbiati c’era e c’è un testo che in pochi leggono ma che occorre possedere, anche se si è solo dei punkettini brufolosi: Stato e Anarchia, del vecchio Michele Bakunin. Se capitava, finalmente, di sfogliarlo, oltre a scoprire quanto poco quagliassero Marx e Bakunin (toccava scegliere!), si scopriva la differenza sostanziale tra la rivoluzione e la rivolta, che debbono andare sempre a braccetto, e non ognuna per conto proprio. La rivolta

[…] è per sua natura istintiva, caotica e spietata […]. Questa passione indubbiamente negativa è ben lontana dal permettere di raggiungere l’altezza della causa rivoluzionaria; ma senza di quella quest’ultima sarebbe inconcepibile e impossibile, perché non può esserci rivoluzione senza una distruzione vasta e appassionata, una distruzione salutare e feconda dato che appunto da questa e solo per mezzo di questa si creano e nascono nuovi mondi.

Insomma, dice Bakunin, la rivolta di per sé non è che una “passione negativa“. Le affettuose attenzioni scambiate col celerino lasciano il tempo che trovano. Non è rivoluzione. Basterebbe capire quando il momento è quello giusto, e non lo è quasi mai. Basterebbe un po’ di buon senso. I più lo possiedono ma il meglio e il peggio di tutto viene dalle minoranze, com’è noto. Ora, tra i pochissimi che vanno ai cortei armati di catenazza esistono, mi pare, tre categorie di individui:
La prima è composta dagli apocalittici. Quelli che sono convinti che la nascita di uno di quei nuovi mondi debba avvenire a breve e che sia giusto partecipare alla “distruzione salutare e feconda”. Conoscevo un tale (mi pare fosse della CCI) per cui, dieci anni fa, il Capitale aveva «i giorni contati». Come per i Testimoni di Geova, il tempo dell’Apocalisse è sempre imminente. Quando scade, si fa finta di niente, e lo si posticipa di poco.
Nella seconda categoria troviamo i neo-spartachisti (consapevoli o meno) o i Bimbi Disobbedienti, che mettono al centro del loro universo ideale la rivolta, più che la rivoluzione. E’ una reazione alla limitatezza delle nostre esistenze. («vedremo almeno un pezzettino della fase di transizione?«, chiedeva Nanni Moretti in un suo vecchio cortometraggio). E’ sempre più difficile vedere una rivoluzione, di questi tempi. Però almeno una rivoltina, la sensazione della spranga spinta a tutta velocità contro la plastica di un casco, il bruciore dei lacrimogeni, il senso della massa che preme, travolge e “vince” la polizia, anche solo per dieci secondi, prima di disperdersi, l’adrenalina a mille…
Questo genere di esperienze sensoriali – direi quasi sensuali – sono poi condivise dalla terza categoria, quella dei teppisti. Sarò reazionario, ma credo che la teppa esista. Non è gente caratterizzata per classe o per cultura. Semplicemente, amano menare e non mancano in tutte quelle situazioni in cui vi sia la possibilità di farlo. Gli stadi naturalmente, i cortei politici…da una parte e dall’altra della barricata, con o senza distintivo. Gente di tal fatta è stata immediatamente arruolata dal fascismo, a suo tempo. Ma non elaboro oltre questa notazione. Insomma, in un contesto caotico, instabile come quello di una manifestazione di massa, quando ormai lo scontro è in atto, è veramente difficile distinguere tra la violenza “politica” e la pura dissipazione di energia, e la gran parte delle interpretazioni e delle ricostruzioni ‘politiche’ mi sembrano del tutto prive di senso. Naturalmente in questi ultimi tre giorni non si contano, sulla carta stampata, in tv e in rete, gli interventi di ogni segno e colore, tutti leciti, alcuni dettati da una sincera urgenza, altri dalla necessità di strumentalizzare, su ordine del padrone. Uno dei più discussi è quello di Roberto Saviano su Repubblica. Una lettera aperta agli studenti in parte condivisibile che però sconta un certo tono paternalistico e non mette veramente a fuoco il problema. D’altro segno il commento di Luca Telese sul Fatto Quotidiano: curiosamente, Telese contesta proprio quello che Saviano esalta, e cioè l’uso dei titoli di libri sugli scudi di polistirolo, in uso da qualche settimana durante le proteste (il Book Block – Dio, che palle: Mille piani di Deleuze e Q di Luther Blissett!) e mazzola i facinorosi con un certo astio, ma non dice granché di interessante. Nella sua semplicità, l’articolo che mi ha convinto di più e conquista la palma di commento più equilibrato lo si trova sempre sul Fatto, ed è quello di Paolo Hutter, vecchio ragazzo di Lotta Continua, da anni militante nei Verdi (nessuno è perfetto). Hutter nel ’73 fu tenuto prigioniero dai fascisti allo Stadio del Cile. Anche per questo la sua opinione mi sembra interessante.

*Vorrei ricordare qui, in forte ritardo, due antifascisti veneziani che se ne sono andati nei giorni scorsi: Franca Trentin e Marco Salvadori. Credo sia utile metterli qui, in fondo a questo post che parla d’altro, proprio per recuperare il famoso senso della misura.